Formula 1: l'urlo di Seb a Marina Bay, quanto vale questa pole

Formula 1

Mara Sangiorgio

Il pilota e poi l’uomo, insieme a una grande macchina. La lucidità e poi la liberazione. Sebastian Vettel a Singapore ha conquistato la pole position – la quarta qui per lui ma anche la quarta della Ferrari di questo 2017 – ed è esploso. Subito dietro al ferrarista le due Red Bull di Verstappen e Ricciardo

CRONACA DELLE QUALIFICHE - TEMPI E DISTACCHI

GRIGLIA DI PARTENZA - CLASSIFICHE - GUIDA TV 

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

Dopo Monza, ma soprattutto dopo un inizio di weekend non proprio positivo, questa risposta e questo risultato erano importanti. Se non addirittura fondamentali pensando al ritmo serrato che i piloti tengono tra le 23 curve di questa pista e alle poche possibilità di sorpasso. Pole position con brivido tra l’altro, a chiudere due giri in Q3 in cui è stato proprio il pilota Sebastian Vettel a fare la differenza, rifilando tre decimi di secondo a entrambe le Red Bull, che dopo le ottime prestazioni delle libere sembravano le naturali candidate per la pole.

Max Verstappen invece scatterà dalla prima fila proprio di fianco al ferrarista. E sarà la pima variabile non sempre prevedibile da tenere in considerazione. Daniel Ricciardo subito dietro, di fianco a Kimi Raikkonen. La Red Bull rimane qui la prima vera rivale della Ferrari. I due piloti Mercedes partiranno infatti affiancati, Hamilton davanti a Bottas, dalla terza fila. Con visi lunghi e poca fiducia. Era quello che aveva chiesto il presidente Marchionne: dobbiamo togliergli il sorriso. Ma ora tocca chiudere il cerchio per mantenere invece questo sorriso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche