Malesia, Vettel: dal sabato nero all'alba Rossa. Serve un miracolo

Formula 1

Carlo Vanzini

Tutto sembra andare storto per Vettel. Dopo lo zero di Singapore la volta dei problemi tecnici in qualifica. Alle 9 sul circuito di Sepang, ci vorrà una gran rimonta dall'ultima posizione, sperando anche in un pizzico di fortuna. Diretta esclusiva su Sky Sport F1 HD dalle 9

IL MEGLIO DELLA POLE - GRIGLIA DI PARTENZA

TEMPI - CLASSIFICHE - GUIDA TV

"Tra un pilota fortunato e uno veloce scelgo quello fortunato", parole di Enzo Ferrari.
Il Drake avrebbe apprezzato e sottoscritto la scelta di Vettel, un condensato di velocità e fortuna. Incredibilmente fortunato, quando BMW decise di lasciarlo andare alla Toro Rosso, diventata in un lampo prima vittoria e poi Red Bull e quando raggiunse il traguardo e il terzo titolo di campione del mondo, in Brasile, nonostante una macchina distrutta dal contatto al via. Veloce in qualifica e nello sfruttare tutte le occasioni, insomma il mix perfetto.
Quella fortuna, almeno per ora, sembra averlo abbandonato, tutto in due settimane. Singapore e adesso Malesia, i suoi terreni di caccia preferiti peraltro, con 8 vittorie, 4 da una parte e 4 dall'altra. 

Ferrari diceva però anche che fortuna e sfortuna non esistono e sono frutto del lavoro dell'uomo. In effetti così è stato considerando sia la foga nel chiudere Verstappen, sia il doppio problema di affidabilità tra prove libere e qualifica e anche i 45 millesimi di Raikkonen da Hamilton, per via del leggero bloccaggio in curva 15. Ma leggerla così sarebbe davvero ingeneroso rispetto a una Ferrari che per competere contro la mostruosa Mercedes, 60 gare vinte su 73, nell'era power unit, ha spinto e spinge ancora al limite e quando è così i problemi sono in agguato.

Non lo diceva Ferrari, ma è un detto popolare, la fortuna è cieca, ma la sfiga ci vede benissimo e riassume alla perfezione il momento rosso. A Singapore c'è stata la tempesta perfetta di tutti gli elementi che potevano giocare a sfavore di Vettel, a iniziare dalla pioggia, mai vista in 9 edizioni precedenti al Marina Bay Circuit e in questo sabato, con un doppio problema a elementi diversi. 

Per la fiera della banalità si dice anche che la ruota gira e la fortuna va e viene, beh per Vettel deve girare in fretta perché in questo momento sta spingendo la W08 di Hamilton, incredulo a ritrovarsi primo a Singapore e quasi incredulo, seppur con grande talento, a ritrovarsi in pole mentre Vettel scatterà ultimo in Malesia. Certo ricorderà anche il suo shock 2016 quando su questa pista ruppe il motore e le speranze di vincere il quarto mondiale.

Ci vuole tutto per vincere il titolo e questo tutto passa adesso, per Vettel, da una doppia rimonta, nel campionato, a -28 da Hamilton e in gara, da la in fondo, come uno qualunque, per la prima volta quest'anno non qualificato per il Q3.

La Ferrari ha dimostrato venerdì di avere un passo gara pazzesco, quindi la zona punti sarà a tiro ben presto, la zona primi sei anche, ma poi dovrà fare una magia e avere un po' di fortuna per far si che questo mondiale così bello e tirato non venga deciso da episodi, ma forse il bello è anche questo che nel totale equilibrio ci dev'essere la consapevolezza e che gli episodi pesano.

Gara tutta da seguire con le sue due facce, davanti Hamilton cercherà di scappare via in corsa e nel mondiale, Raikkonen cercherà di mettersi a tirare il gruppo e magari inventarsi una corsa stile Ungheria a fare da difensore per consentire a Vettel di rientrare. La variabile Verstappen al via è sempre in agguato, poi dietro Vettel e la Ferrari che dovranno inventarsi una strategia perfetta per limitare i danni, come obbiettivo principale, pronti a sfruttare l'occasione se la fortuna decidesse di tornare a girare nella direzione di Maranello.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche