Formula 1, il riassunto del GP di Monaco. Risultati, classifica e highlights

Formula 1

Riviviamo la gara di Monaco: i 78 giri nel Principato chiusi con il successo di Daniel Ricciardo su Red Bull. Dal 28esimo giro, l'australiano ha dovuto lottare e conservare il primo posto per un problema alla sua RB18, perdendo fino al 25% di potenza. Vettel secondo e Hamilton terzo: ora la lotta Mondiale è a tre

CLICCA PER  RIVIVERE IL GP DI MONACO

TEMPI E CLASSIFICHE - LE PAGELLE

Niente un grande spettacolo a Monte Carlo, ma tanta tensione nel finale sì. E può bastare a giustificare il titolo "Princi Phatos" che avevamo dato alla sesta gara del Mondiale. Ha vinto Daniel Ricciardo su Red Bull un gran premio di Monaco che è stato un lungo monologo dei primi tre, scattati alla partenza nell'ordine in cui erano schierati sulla griglia di partenza e arrivati nello stesso modo al traguardo. Così ha vinto il favorito della vigilia, l'australiano appunto, che prima della gara aveva dominato anche le prove libere e poi quelle ufficiali, davanti al ferrarista Sebastian Vettel e al campione del mondo Lewis Hamilton, corrucciato sul podio ma onesto nell'ammettere che "più di così non potevo fare". La lotta al Mondiale, al momento, è diventata una lotta a tre. In classifica Hamilton ha 110 punti, Vettel 96 e Ricciardo 72.

Per Ricciardo è la prima vittoria a Monte Carlo, e la sua gioia è stata tale che, dopo la premiazione un inchino al Principe Alberto, ha bevuto champagne dalla propria scarpa. Pazza gioia giustificata visto che sul circuito monegasco si è imposto grazie a una condotta di gara eccellente. Infatti degrado dei pneumatici e una perdita di potenza (via radio si è lamentato più volte per il 'power unit') hanno limitato il rendimento della sua Red Bull ma non per questo il driver 'aussie' ha mollato ("anche se a un certo punto ho pensato che fosse finita") ed è riuscito a rimanere sempre davanti a Vettel, anzi aumentando il vantaggio nei quattro giri finali, quando il ferrarista si è trovato davanti un doppiato, il belga Vandoorne della McLaren, che lo ha rallentato fin quando è durato il regime di 'virtual safety car'. 

Era stato provocato da un incidente del pilota di gara Leclerc, della Sauber Alfa Romeo, che per un guasto ai freni è andato a incocciare sulla Toro Rosso di Hartley. Ma onestà vuole che si dica che Vettel, forse condizionato dalla paura che i pneumatici si deteriorassero, non ha mai dato l'impressione di essere in grado di poter sferrare l'attacco per conquistare il gradino più alto del podio. "Ma la verità - ha detto Vettel dopo la gara - è che Daniel ha saputo dare le risposte giuste in ogni fase cruciale della corsa".

In una gara dove nessuno ha fatto errori, e quindi i sorpassi sono stati ancor meno frequenti del solito, per non dire praticamente inesistenti, lo spettacolo lo ha assicurato il solito Verstappen, partito in ultima posizione dopo l'incidente nelle qualifiche e risalito fino al nono posto. Ha divertito il pubblico con i suoi duelli con le Renault di Sainz e Hulkenberg. Così il nuovo 'principe' di Monaco è Ricciardo, al secondo successo dell'anno dopo quello in Cina, mentre per la Red Bull è stata la gara numero 250 in Formula 1. Tra due settimane in Canada tenterà di replicare. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.