F1, GP Singapore. Hamilton: "Sconfitta dolorosa. Non ci sono scuse"

Formula 1

Quarto a Singapore, Lewis Hamilton mostra tutta la sua delusione. A Marina Bay la Mercedes era data come grande favorita. "Avremmo potuto vincere nettamente. Sentivo di essere più veloce di Leclerc, non ci sono scuse"

HIGHLIGHTS DELLA GARA - VIDEO. FESTA FERRARI

CLASSIFICHE DEL MONDIALE - VIDEO - REPLICHE

GP SINGAPORE, LA CRONACA DELLA GARA

DAL 20 SETTEMBRE DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY

La Mercedes è la grande esclusa dal podio di Singapore. Un circuito come quello di Marina Bay avrebbe dovuto favorire - almeno sulla carta - le caratterische della casa tedesca, che invece ha osservato il trionfo della Ferrari. Quarto al traguardo, Lewis Hamilton ha espresso tutta la propria delusione nel postgara. "Sapevo, o meglio, sentivo di essere molto più veloce di Leclerc, gli stavo attaccato. Per radio dicevo ‘undercut’, ‘sbrighiamoci’, ma non l'hanno fatto. Comunque si vince e si perde come squadra. Prendiamo questa sconfitta in faccia. Penso che per noi sia dolorosa, perché è evidente che avremmo potuto vincere nettamente. Ci ricompatteremo, torneremo in pista e lotteremo per la prossima gara". Nella sua analisi, Hamilton si sofferma anche sulla Ferrari. La 'Rossa', dopo un inzio anno difficile, sta dando filo da torcere al britannico e a tutta la Mercedes. "Stiamo chiaramente lottando contro una squadra che è molto affamata, e sta spingendo tantissimo. Dovremo fare un lavoro migliore. Non ci sono scuse per questo risultato".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche