Ferrari, Binotto: "Leclerc può diventare il pilota più forte nella storia della Formula 1"

Formula 1

Il team principal ha rilasciato un'intervista a Marca: "Leclerc è un pilota su cui la Ferrari può contare per il futuro, può diventare il pilota più forte nella storia della Formula 1. Sainz è un gran lavoratore, intelligente e veloce: presto potrà diventare campione del mondo. Vettel alla Mercedes nel 2021? Sarei felice per lui"

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

"Il pilota più forte della storia". Questo la Ferrari vuole fare di Charles Leclerc, il 22enne monegasco che sta per iniziare il suo secondo anno alla guida della Rossa. In un'intervista al giornale spagnolo Marca, il team principal Mattia Binotto ha dichiarato: "Abbiamo investito molto in Charles, da molti anni, da F3, F2 e ora in F1, dove il processo continua: speriamo che quest'anno sia ancora più forte del passato e che possa esserlo ancora di più in futuro. Leclerc è un pilota su cui la Ferrari può contare per il futuro, cercando di sviluppare il più possibile: può diventare il pilota più forte nella storia della Formula 1".

Binotto: "Sainz può diventare campione del mondo"

Mattia Binotto ha parlato anche di Carlos Sainz, che dal Mondile 2021 prenderà il posto di Sebastian Vettel come compagno di squadra di Charles Leclerc alla Ferrari: “È un pilota giovane e noi siamo una squadra giovane che sta cercando un lungo ciclo con piloti giovani e allo stesso tempo esperti, questo è importante. Carlos è un gran lavoratore, intelligente e veloce, e soprattutto capisce qual è lo spirito della Ferrari. Saremmo felici - aggiunge Binotto - se gareggiasse ai massimi livelli, come Charles, e aiutasse la Ferrari a raggiungere l'obiettivo globale che è il titolo costruttori. Penso che il primo anno sarà più complicato, perché deve prima capire la macchina e conoscere la squadra, ecco perché non abbiamo firmato un contratto di un anno con lui, ma sono sicuro che è molto veloce: presto potrà diventare campione del mondo”.

Binotto: "Vettel alla Mercedes? Sarei felice per lui"

Mattia Binotto ha spiegato come la decisione di separarsi da Sebastian Vettel a partire dal 2021 non sia stata affatto facile: "La Ferrari ama Sebastian come pilota e come persona, fa parte del nostro team, del nostro progetto, quindi non è stata una decisione semplice. Vettel è stata la nostra prima opzione e poi è arrivata la pandemia, che ha cambiato molte cose, dal regolamento al massimale del bilancio, cose che hanno cambiato la visione della situazione, guardando avanti come con la nuova auto, rinviata al 2022. Le revisioni interne dovevano essere fatte, difficili, ed è quello che abbiamo fatto". Sul futuro di Vettel, Binotto ha aggiunto: "Lo adoriamo e lo apprezziamo, e sarebbe importante per lui trovare un buon posto il prossimo anno (nel Mondiale 2020 Vettel correrà ancora con la Ferrari, ndr). Sento voci che lo vedono in Mercedes nel 2021, io sarei molto felice per lui, lo sarei davvero". Quanto al presente, il team principal aggiunge: "Vettel è una persona eccezionale, un grande professionista con senso di responsabilità, sono sicuro che vuole finire il suo ultimo anno in Ferrari in una buona posizione, ottenendo il meglio per la squadra, quindi non mi aspetto affatto un cattivo comportamento".

FORMULA 1: SCELTI PER TE