Hamilton: "La statua dello schiavista Colston resti nel fiume"

Formula 1

Lewis Hamilton prende le difese dei manifestanti che a Bristol hanno abbattuto e gettato in acqua la statua dello schiavista Edward Colston: "Deve rimanere nel fiume, così come le 20mila anime africane che sono morte in viaggio. Non bisogna celebrarlo", ha spiegato il campione del mondo

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

"Dovrebbe restare nel fiume". Questo il pensiero di Lewis Hamilton su Instagram a proposito della statua di Edward Colston, che nei giorni scorsi, a Bristol, i manifestanti hanno abbattuto e poi buttato in acqua durante le proteste per l'uccisione di George Floyd a Minneapolis. "Colston - ha scritto il pilota della Mercedes - era un mercante di schiavi. La statua di quell'uomo dovrebbe rimanere nel fiume proprio come le 20mila anime africane che sono morte durante il viaggio fino a qui e gettate in mare, senza sepoltura e memoriale. Li ha rubati alle loro famiglie, al loro paese e non deve essere celebrato". Secondo Hamilton il monumento di Colston abbattuto "dovrebbe essere sostituito con un memoriale per quelli che ha venduto e per tutti quelli che hanno perso la vita". Il sei volte campione del mondo aveva anche postato su Twitter una foto dell'imponente manifestazione che si è tenuta davanti alla Casa Bianca, in cui è stato esposto lo striscione "Black Lives Matter", con scritto "E non dimenticarlo...". Nei giorni scorsi, Hamilton aveva espresso in più di un'occasione il suo supporto al movimento per i diritti delle persone afroamericane, ammettendo anche di essere stato picchiato e bullizzato in gioventù proprio per il colore della pelle. 

 

Il sostegno di Ross Brawn: "Lewis ambasciatore della F1"

Sui temi del razzismo, Ross Brawn sta con Lewis Hamilton. Nei giorni scorsi più volte il pluricampione del mondo di F1 si è soffermato sull'argomento, dopo l'omicidio di George Floyd a Minneapolis. Oggi il supermanager della F1, con un grande passato in Ferrari, si schiera con il pilota britannico della Mercedes. Hamilton - unico pilota nero del circus - è stato il primo nella F1 a parlare pubblicamente degli eventi successivi alla morte di Floyd e ha continuato a pubblicare post sui suoi canali, invitando i governi a fare di più per affrontare il problema. "Lewis è un grande ambasciatore per questo sport e penso che i suoi commenti siano molto validi", ha detto oggi Brawn a 'Sky Sports'. "Sosteniamo totalmente ciò che Lewis ha detto. Quello che è successo è stato terribile, succede troppo spesso. Avete visto la reazione pubblica. È quasi la goccia che ha spezzato la schiena del cammello e lo sosteniamo totalmente. " La scorsa settimana il team principal di Hamilton alla Mercedes Toto Wolff ha anche sostenuto i recenti commenti del suo pilota di punta. "Penso sia positivo che Lewis come superstar dello sport sia quello in prima linea in uno sport che è molto dominato dai maschi bianchi", ha detto.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche