Hamilton, Bottas e Verstappen: terzetto da record in F1 dopo il podio nel GP Portogallo

Formula 1

Michele Merlino

In Portogallo Hamilton, Bottas e Verstappen hanno stabilito un nuovo record: hanno condiviso il podio per la 15^ volta in carriera, superando il precedente primato composto dal terzetto Lewis, Rosberg e Vettel. A dimostrazione dello strapotere di Lewis, è da sottolineare come il campione del mondo britannico sia stato il vincitore in 10 di questi 15 podi (3 per Valtteri, 2 per Max)

GP SPAGNA, LA DIRETTA DELLE PROVE LIBERE

Per la 15^ volta abbiamo visto Hamilton, Bottas e Verstappen condividere il podio: è un nuovo record per la Formula 1, che scalza il precedente, composto dallo stesso Hamilton, Nico Rosberg e Sebastian Vettel. Inutile dire che questi 15 podi sono fortemente sbilanciati in direzione di Lewis: in 10 occasioni il vincitore è stato lui, in 3 Bottas e in 2 Verstappen. Lo schiacciasassi Hamilton con le sue vittorie sta affossando sempre più Bottas e Verstappen nella posizione di eterni comprimari. Se analizziamo solo i primi due all’arrivo, vediamo che per la 15^ volta Verstappen è finito dietro a Hamilton, mentre il contrario è accaduto solo in Malesia nel 2017, nel GP dell’Anniversario 2020 e ad Imola quest’anno. Lo stesso trattamento di Max in passato è stato riservato a Vettel, 15 volte secondo dietro a Lewis. Va sicuramente peggio a Bottas, 19 volte secondo dietro a Hamilton, ad un solo passo da Nico Rosberg, a cui è successo 20 volte. Quello è il valore record, registrato da un’altra coppia con un celebre vincitore ed un altrettanto celebre eterno secondo: Michael Schumacher e Rubens Barrichello.

Hamilton scontento al sabato

approfondimento

Hamilton-Verstappen, sfida di sorpassi da record

Sette millesimi, 0.007 per gli amanti dell’agente segreto più famoso al mondo: questo è il margine con cui Valtteri Bottas ha negato a Lewis Hamilton la 100^ pole in carriera. Era tutto pronto: era l’anniversario della scomparsa del primo vero re delle pole, Ayrton Senna, che proprio in Portogallo aveva ottenuto la sua prima pole e vittoria nel 1985, ma niente, Valtteri con quei 7 millesimi ha rimandato la festa. Ovviamente non è la prima volta che Hamilton perde una pole, visto che in 62 occasioni è stato 2° in griglia, ma è solo la seconda volta che la perde per meno di 10 millesimi. L’altra è Silverstone 2019, quando il poleman fu ugualmente il “guastafeste” Bottas.

La sindrome di Bottas

leggi anche

Bottas, il mal di pole: su 17 solo 5 vittorie

Si sta facendo strada una nuova costante nella Formula 1: la propensione di Bottas a trasformare un ottimo risultato al sabato in uno molto meno che ottimale alla domenica, la "Sindrome di Bottas". I dati sono impietosi e si commentano da soli:

  • Dalle sue 17 pole ha ricavato solo 5 vittorie.
  • Nessuna vittoria dalle sue ultime 5 partenze in pole (Anniversario, Eifel, Imola, Sakhir 2020; Portogallo 2021).
  • Solo 6 vittorie da 41 partenze in prima fila.
  • Nessuna vittoria dalle sue ultime 14 partenze in prima fila (sequenza iniziata in Ungheria 2020: da allora ha vinto dalla 3^ posizione in griglia in Russia).

Valtteri ha eguagliato Jackie Stewart per pole e, anche se il confronto è improprio visto l’intervallo temporale di una cinquantina d’anni, Stewart da quelle 17 pole ricavò 8 vittorie, ritirandosi in 5 occasioni per problemi meccanici (per Bottas invece i guasti dalla pole sono solo due).

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport