01 ottobre 2017

GP Malesia, tamponamento Vettel-Stroll: danni al cambio Ferrari? Gli scenari

print-icon

In Malesia, dopo il traguardo, incidente del tedesco con Stroll della Williams. Episodio non sazionato dai commissari, ma che potrebbe avere comuqnue conseguenze: se il cambio della Ferrari avesse subito danni irreparabili, potrebbe essere necessario sostitutirlo in Giappone. Allora scatterebbe la penalità: 5 posizioni in griglia. Il caso rappresenta un'eccezione, ecco perché

VETTEL, DANNI AL CAMBIO? IL REGOLAMENTO DICE...

CLICCA QUI PER RIVIVERE IL GP DELLA MALESIA

ORDINE D'ARRIVO - CLASSIFICHE

Dopo la grande rimonta di Vettel a Sepang (da ultimo a 4°), nel giro di rientro a fine gara si è verificato un incidente tra il tedesco della Ferrari e Stroll della Williams. L'episodio, finito sotto investigazione, è stato archiviato dai commissari come una leggerezza dei due piloti: dunque nessuna penalità. Ma lo stesso tamponamento potrebbe comunque avere conseguenze per le Ferrari e per Vettel. Se il cambio della SF70 H avesse subito danni nell'impatto, potrebbe risultare difficile recuperarlo. Il pezzo è stato subito spedito a Maranello per le verifiche, ma non c'è nessuna ufficialità sulle reali condizioni.

L'ipotesi

Così, venisse confermata la rottura, il rischio sarebbe quello d'incappare in una penalità: 5 posizioni da scontare sulla griglia di partenza al Gran Premio del Giappone in programma domenica prossima. Il cambio, infatti, deve durare sei gare, mentre questa era solo la prima sulla monoposto di Vettel. Lo stesso cambio, poi, può essere sostituito solo se la macchina si ritira nel corso del gran premio.

Caso senza precedenti

Vien da sé che l'evento rappresenta un'eccezione senza precedenti. Vettel ha tagliato il traguardo e quindi è classificato, ma la Ferrari non è stata portata al parco chiuso, come succede a quelle che si ritirano durante la gara. Di qui una discussione aperta e ipotetica: penalità o possibilità di sostituire il cambio senza dover scontare sanzioni? Ripetiamo, non ci sono precedenti. Allora occore aspettare come la Federazione valuterà il caso. E la Fia al momento non si è ancora pronunciata.

I PIU' VISTI DI OGGI