Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
28 ottobre 2016

GP Malesia, Iannone è tornato: Già un buon feeling

print-icon
ian

Il pilota della Ducati in pista per le libere del mattino a Sepang dopo l'infortunio alla schiena: "Giornata positiva. Temevo di fare più fatica"

Prima giornata di prove libere di difficile interpretazione per la MotoGp, in vista del Gran premio della Malesia, con la pista di Sepang quasi completamente asciutta nella prima sessione e bagnata nella seconda dopo un acquazzone. Il risultato è che al mattino il miglior tempo è stato del campione del mondo Marc Marquez (2'01"210) e al pomeriggio dell'australiano Jack Miller (2'08"872), con le Yamaha di Valentino Rossi e Jorge Lorenzo sempre ad inseguire (la miglior prestazione e' stata del pesarese nella prima sessione, quinto in 2'01"611).

Marquez ha poi dato forfait al pomeriggio per problemi intestinali e lo stesso ha fatto Andrea Iannone che, al rientro dopo quattro Gran Premi saltati per l'infortunio alla schiena, ha preferito non rischiare. "E' stata una giornata positiva - ha detto il pilota della Ducati, quarto tempo al mattino con 2'01"521 - Temevo di fare più fatica, per il semplice fatto di tornare dopo tanto tempo a correre sul serio, e invece ho avuto subito un buon feeling con la moto".

C'era molta attesa per il nuovo asfalto e il giudizio dei piloti sembra al momento una promozione a metà. "Ci sono stati sicuramente miglioramenti - ha sintetizzato Rossi - C'è un buon grip e la pista è sempre molto bella. Ma il problema è che ci mette tanto tempo ad asciugarsi e qui piove spesso. Insomma, si rischia di dover andare all'80% per non rischiare troppo".

Per quanto riguarda le altre classi, da segnalare una "doppietta" italiana nelle seconde sessioni: in Moto2 miglior tempo di Franco Morbidelli (Kalex) in 2'08"816 e in Moto3 di Francesco Bagnaia (Mahindra) in 2'26"490, anche se al mattino il sudafricano Brad Binder (Klm) aveva ottenuto un 2'15"520. Non è mancato, infine, un omaggio a Marco Simoncelli nel punto in cui perse la vita nel 2011 e dove una targa lo ricorda.