Conferma di Bulega: a Jerez è sempre il più veloce

MOTOGP

Il pilota dello Sky Racing Team VR46 inavvicinabile nei Test IRTA in Andalusia, si conferma davanti a tutti anche nella conclusiva giornata di Test. Migno cerca il feeling con la KTM 2017. In Moto2 prosegue l'apprendistato di Bagnaia e Manzi

I Test IRTA a Jerez de la Frontera si concludono nel segno di Nicolò Bulega. Il diciassettenne dello Sky Racing Team VR46, alla sua seconda stagione nel Motomondiale, si è confermato il più veloce tra i piloti della classe Moto3 confermando con il riferimento cronometrico di 1'46"264 le ottime sensazioni emerse nelle precedenti giornate di prove nella penisola iberica. L'originario di Montecchio Emilia è stato il grande protagonista della "entry class" con il suo compagno di squadra Andrea Migno (1'47"053) più staccato. In Moto2 accanto a Francesco Bagnaia si è rivisto in azione Stefano Manzi, non ancora al meglio della condizione fisica per la recente distorsione al ginocchio sinistro.

Sempre Bulega davanti - Il più veloce nella seconda giornata di Test, nuovamente prima di tutti nel conclusivo giorno di attività a Jerez. Con il crono di 1'46"264 staccato nella mattinata Nicolò Bulega si è riconfermato il riferimento della classe Moto3, avvicinando l'1'46"232 conseguito ieri e l'1'46"223 che gli era valso la pole position nel Gran Premio 2016. Un bel viaggiare per il diciassettenne dello Sky Racing Team VR46 che mette a segno una "tripletta" da rimarcare: il più veloce in tutti i test finora effettuati tra Valencia e nella doppia-uscita a Jerez tra prove private e IRTA. "Sono contento sia dal punto di vista cronometrico che della messa a punto", spiega Nicolò. "Sono stato veloce in tutte e tre le giornate e anche il passo è buono. Ho buone sensazioni alla guida e sono fiducioso per i prossimi impegni". Per quanto concerne il suo compagno di squadra Andrea Migno, tanti giri compiuti alla ricerca del miglior feeling con la KTM RC 250 GP 2017, viaggiando sull'1'47" basso. "Ho continuato il lavoro sul setting e ho migliorato di qualche millesimo il tempo di ieri", precisa Mig. "Dobbiamo continuare a rimanere concentrati per fare lo step che ci manca in Qatar. Non siamo ancora al 100%".

Bagnaia e Manzi fanno esperienza in Moto2 - Prosegue il lavoro di apprendistato e di messa a punto dello Sky Racing Team VR46 in vista dell'esordio nella classe Moto2. In una giornata che ha visto il febbricitante Alex Marquez scendere sotto il muro dell'1'42" con un miglior riferimento cronometrico di 1'41"989, Francesco Bagnaia ha fatto progressi con la KALEX #42 riuscendo a spingersi fino al tempo di 1'43"170 (21°). Per 'Pecco' tante uscite con gomme usate, indispensabili per scoprire le reazioni della Moto2 in configurazione gara. "Oggi abbiamo fatto un importante passo in avanti e sono molto contento", spiega Bagnaia. "Ho fatto un buon lavoro con la squadra e anche il passo è incoraggiante, soprattutto con le gomme usate. Ho ricucito il gap dai primi e questo è un buon modo di chiudere il primo test ufficiale della stagione". Accanto al pilota torinese si è rivisto in azione a Jerez Stefano Manzi, presentatosi in Andalusia soltanto nella serata di ieri ed una volta ricevuto il via libera dai medici al fine di verificare i progressi compiuti nella riabilitazione dalla recente distorsione al ginocchio sinistro, conseguenza di una caduta nei Test di Valencia dello scorso mese di febbraio. Il diciassettenne proveniente da Sant'Arcangelo di Romagna ha compiuto soltanto qualche giro, funzionale per verificare la condizione fisica in previsione dei prossimi test. "La cosa più positiva in assoluto è che sono tornato in pista", ammette Manzi. "Ovviamente non ho potuto spingere quanto avrei voluto, ma sono soddisfatto. La sensazione alla guida è buona e non vedo l'ora di tornare in sella alla KALEX anche per scoprire la pista del Qatar, dove non ho mai corso".

Appuntamento a Losail - Dal 17 al 19 marzo prossimi lo Sky Racing Team VR46 tornerà in pista al Losail International Circuit (Qatar) per la conclusiva tre-giorni di Test IRTA ufficiali, giusto a pochi giorni dal primo Gran Premio stagionale in programma, sempre sul tracciato qatariota, dal 23 al 26 marzo.

I più letti