Moto2, Libere 3: Pecco Bagnaia lavora sul passo

MOTOGP

Nelle FP3 il pilota torinese spende la sessione prevalentemente con gomme usate: "Ho provato una simulazione di gara". Stefano Manzi ancora risente dell'infortunio al ginocchio sinistro

Dopo il "lampo" di pura velocità registrato giovedì nella seconda sessione di prove libere, lo Sky Racing Team VR46 con Francesco Bagnaia (leader della FP2) e Stefano Manzi ha speso il conclusivo turno di attività della classe Moto2 al Losail International Circuit concentrandosi su prove di set-up per gestire al meglio gli pneumatici in funzione gara.

Se Franco Morbidelli (KALEX Marc VDS) in 2'00"349 ha fatto registrare il miglior tempo, dopo il primato della FP2 Pecco Bagnaia per tutto l'arco della sessione ha girato con gomme usate, strategia volta alla ricerca di feedback indispensabili pensando alla gara. Per il pilota torinese il crono di 2'01"540 (23°), ma con il 2'00"793 conseguito ieri figura 9° nella classifica riepilogativa dei tempi. "Non sono molto contento per la posizione del turno di oggi - confessa Bagnaia - ma abbiamo preferito concentrarci sul passo in vista di domenica. Ho provato una simulazione di gara con gomme usate e sono riuscito a tenere un ritmo costante. Non sono lontano dai più forti, ma il meteo sarà la vera incognita per la qualifica".

Stringendo i denti per l'infortunio al ginocchio sinistro, Stefano Manzi ha girato il più possibile facendo registrare un personale miglior tempo di 2'03"739, non distante dal 2'03"553 conseguito nella serata di ieri risultando 33° nella graduatoria combinata dei tempi dei tre turni. "Non è stato un turno facile - ha commentato - il ginocchio ha iniziato a farmi molto male e non ho potuto guidare come avrei voluto. Ho cercato di dare il massimo, ma non sono riuscito a migliorare il mio tempo sul giro".

​ 

I più letti