Jerez, arriviamo. Inizia la stagione europea per lo Sky VR46

MOTOGP

Primo appuntamento nel vecchio continente per lo Sky Racing Team VR46: le ambizioni di Bulega e Migno in Moto3, le aspettative di Bagnaia e Manzi in Moto2

Superata la triplice trasferta extra-europea, a Jerez de la Frontera lo Sky Racing Team VR46 si appresta ad affrontare la prima tappa in Europa del Motomondiale 2017. Facendo tesoro dei riferimenti acquisiti nei test invernali tenutisi proprio sulla pista andalusa, in Moto3 Andrea Migno e Nicolò Bulega partono con legittimi propositi ambiziosi, mentre in Moto2 Francesco Bagnaia e Stefano Manzi proseguiranno il loro percorso di crescita nella categoria.

Migno e Bulega fiduciosi

Tuttora miglior pilota KTM in classifica, Andrea Migno a Jerez andrà a caccia di un risultato convincente dopo il passo falso del Texas. "Ad Austin mi aspettavo qualcosa di più, ma la qualifica ha compromesso quanto di buono fatto nel weekend", spiega Migno, il quale ha ottenuto due podi a Jerez nei suoi trascorsi agonistici nel CEV. "Arrivo quindi a Jerez, una delle piste più difficili del calendario, con tanta voglia di rifarmi. C'è sempre un'atmosfera incredibile in questo paddock, tanta passione e tifosi. Sarà una motivazione in più per rimettersi al lavoro con tutto il Team". Memore della pole e del podio conquistato lo scorso anno, Jerez è davvero il "circuito talismano" di Nicolò Bulega. "Jerez è sicuramente una delle mie piste preferite: lo scorso anno ho vissuto un weekend memorabile con la prima pole e il primo podio in carriera", ricorda il diciassettenne pilota dello Sky Racing Team VR46. "Ad Austin ho fatto la gara che volevo, nel gruppo di testa, con tanti sorpassi e a ridosso dei più forti fino all'ultima curva. KTM sarà sicuramente più competitiva su questo tracciato e non vedo quindi l'ora di tornare in sella alla mia moto per continuare in questa direzione".

Bagnaia e Manzi pronti alla sfida

Leader della graduatoria Rookie of the Year ad ex-aequo con Fabio Quartararo, a Jerez lo scorso anno in Moto3 Francesco Bagnaia era salito sul podio: un precedente di buon auspicio per puntare ad una prestazione onorevole questo fine settimana. "Sono contento di tornare a gareggiare in Europa: Jerez è una pista che conosco bene e su cui ho raccolto diverse soddisfazioni, anche lo scorso anno", spiega Pecco. "Rispetto alle altre gare, abbiamo molti più riferimenti e dati da cui ripartire per rivedere il setting e questo ci agevolerà di parecchio il lavoro". Archiviato il weekend-no vissuto in Texas, Stefano Manzi è impaziente di tornare in sella. "Dopo l'epilogo della gara negli USA, non vedo l'ora di tornare al lavoro sulla mia KALEX. Conosco la pista di Jerez fin dai Campionati inferiori, ma durante la pre season, ho praticamente perso entrambe le sessioni di test. Dobbiamo rimboccarci le maniche e fare lo step che ci manca per agganciare il gruppo".

I più letti