Valentino Rossi correrà al Mugello 2017: le news

MOTOGP

Il pilota della Yamaha ha ottenuto dalla commissione medica l'idoneità per poter scendere in pista nelle prove libere del GP d'Italia

ROSSI C'E': L'INTERVISTA ESCLUSIVA A VALENTINO

LA PROGRAMMAZIONE COMPLETA

LA CONFERENZA DEI PILOTI

Valentino arriva al Mugello con una enorme voglia di riscossa dopo la caduta a due curve dalla fine a Le Mans, in una delle gare più belle da lui disputate negli ultimi anni. Uno “zero” pesante in chiave mondiale da mettersi subito alle spalle. Il Dottore può correre il Gran Premio di casa: l'ok è arrivato dai medici della MotoGP, che l'hanno visitato sul circuito toscano. Il controllo era stato reso necessario dall'incidente con una moto da motocross per il quale il campione pesarese era stato ricoverato nei giorni scorsi.

Prime parole dal Mugello di Valentino: "E' stata una brutta caduta, molto dolorosa. I primi giorni facevo fatica a muovermi e a respirare, ma fortunatamente ho avuto un buon recupero negli ultimi 2 giorni e adesso mi sento abbastanza bene. Non sono ancora al 100%. Vedremo domattina cosa accadrà con la mia M1. L'obiettivo è quello di crescere piano piano fino ad essere ok per domenica". "Sono atterrato un metro fuori dalla pista con la mia moto", ha raccontato Rossi ripercorrendo la dinamica dell'incidente, "Le ruote si sono piantate in terra e per questo sono stato sbalzato in avanti. Mi sono subito fatto molto male al petto perchè ho dato una gran botta sul manubrio e successivamente in terra".

"Nessun trauma"

"Valentino è in una fase di recupero, i dolori degli scorsi giorni a livello toracico-addominale e della zona epatica per fortuna non gli hanno lasciato alcun trauma, al contrario di quanto si pensasse al momento dell'incidente", spiega Angel Charter, il medico che ha seguito in questi giorni il pilota pesarese. "Abbiamo fatto un'ecografia sia del cuore che della zona epatica e non c’è alcun tipo di alterazione che gli impedisca di correre domani. Se dovesse accusare qualche dolore, saremo pronti a curarlo con un trattamento farmacologico. La sensazione sia di Valentino che di noi medici che lo abbiamo seguito è molto buona. Lui è sicuro, è forte, ma ciò che ci darà le giuste risposte sarà il primo esame in pista", conclude Charter.

070, torna la gomma amata dagli staccatori

Nel 2016 fu la gara che segnò un passaggio importante, con la doppia rottura del motore per Rossi in gara e per Lorenzo in qualifica. Una circostanza e un campanello d’allarme che condizionò la stagione scorsa, con la Yamaha costretta a intervenire per evitare ulteriori rischi. Quest’anno si arriva al Mugello con nessuno dei piloti ancora indenne da cadute. Sintomo che c’è ancora qualcosa da sistemare a livello gomme viste le molte cadute dovute alla perdita dell’anteriore. Al Mugello i piloti potranno tornare ad utilizzare la tanto discussa 070, che piace molto a gran parte della griglia dei partenti e che su una pista dove le gomme sono messe a dura prova potrà essere sicuramente un’alleata in più per grandi staccatori come Rossi, Marquez, Dovizioso, Iannone.

I più letti