Rossi: "In bocca al lupo a Biaggi. La nuova chicane? E' da modificare"

MOTOGP

Valentino, che ha chiuso il venerdì di Libere al nono posto, è contrario alla nuova chicane del GP della Catalunya: "Non è al livello della MotoGP, sembra di girare in un parcheggio, è un pezzo di asfalto tra due piste". Poi gli auguri a Max Biaggi dopo l'incidente durante un allenamento a Latina: "Per fortuna non è grave"

RIVIVI LE EMOZIONI DELLA GARA

LE CLASSIFICHE

IL CALENDARIO

Valentino Rossi chiude il venerdì di Libere del GP di Catalunya con il nono tempo. Un risultato che non preoccupa il pilota della Yamaha: “Un peccato per la prima sessione con la pioggia, per noi è un problema perché non abbiamo fatto i test qui ed ogni minuto è importante. Marquez, Lorenzo e Dovizioso hanno un passo migliore, ma poi ci siamo noi. Possiamo migliorare ma, se togliamo Marquez, la seconda posizione è molto vicina". Valentino rivolge subito un pensiero a Max Biaggi, rivale di tante sfide avvincenti che hanno entusiasmato gli amanti dei motori: "È cascato come me? Allora ha preso una brutta botta, mi spiace: gli faccio un grosso in bocca al lupo, fa piacere non sia grave".

La chicane della discordia

La questione della nuova chicane tiene banco tra i piloti del Motomondiale. Valentino la boccia categoricamente: “Per me una chicane così non è al livello della MotoGP, non è un pezzo di pista, è soltanto un pezzo di asfalto tra due piste. Quello di Formula 1 è peggio di quello della MotoGP, ma almeno è una pista, le curve hanno un banking che ti aiuta, in questo modo è come girare in un parcheggio, è pericoloso, la prima curva a sinistra è off camber, in contropendenza, è facile perdere il davanti e se succede rimani in mezzo alla pista. Al Mugello ci avevano detto "provate la chicane venerdì, poi venerdì sera decidiamo", spero a questo punto che tutti i piloti siano d'accordo nel correre con il tracciato dello scorso anno. L'altra chicane infatti non è pericolosa, il muro è vicino, ma la velocità è molto bassa. La soluzione ideale è il tracciato classico spostando muro e tribune, ma non c'è budget.

I più letti