Moto2, Bagnaia: "Io e Marini punteremo in alto"

MotoGp

Anna Maria Di Luca

Francesco Bagnaia a Valencia con la maglia di Rookie of the Year
sky_racing_team_vr46_gp_valencia_2017_12

Oltre al riconoscimento di Rookie of the Year, il pilota dello Sky Racing Team VR46 ha raggiunto anche il secondo obiettivo stagionale, ma per ora non si festeggia, il meglio deve ancora venire...

Moto2, Valencia: che grinta Pecco Bagnaia, 4° in gara e 5° in campionato

TUTTI I VIDEO

Lo Sky Racing Team VR46

Un anno da ricordare. Si chiude qui, con indosso la maglietta celebrativa di Rookie of the year, la bella stagione di Francesco Bagnaia. Un debutto in classe Moto2, sperato come eccellente ma di certo non assicurato, ed invece il primo italiano a vincere il titolo da quando esiste la nuova categoria è propio Pecco. "Siamo tutti molto contenti, ma niente grandi festeggiamenti, faremo sul serio quando otterrò qualcosa di più."

Piedi per terra e grande volontà...

"Siamo forti, abbiamo fatto un gran lavoro. Anche per lo Sky Racing Team VR46  la Moto2 era una novità, sono contento che il primo titolo in questa categoria lo abbia portato io. Per il 2018 partiremo da qui, il minimo sarà ripetersi, ma l'asticella ora è più alta, so di avere una gran squadra."

Quando hai capito che era fatta?

"A inizio stagione avevamo due obiettivi, Rookie ed entrare nella Top-10, è andata meglio: sono il debuttante con più punti e sono quinto in campionato. A dire il vero a marzo sapevamo già che saremmo andati forti ma non così tanto. Eravamo in tre a potersela giocare: Brad Binder (Campione del mondo 2016 ndr), Jorge Navarro ed io, gli stessi dello scorso Campionato in Moto3. Binder si è fatto male ed ha dovuto saltare tre gare, Navarro, che era terzo nella scorsa stagione, ha retto meno e così il campo si è liberato."

Cambieresti qualcosa di questa anno?

"Assolutamente niente. Ho capito anche che gli errori servono a migliorare, accrescono l'esperienza. Non cambierei proprio nulla. Certo ci sono delle gare in cui ho fatto degli sbagli, ma va bene così."

In quale tappa hai fatto meglio, ti sei divertito di più...

"In Francia, in Germania e anche in Malesia. Sepang è stato un bellisimo weekend, peccato non abbia fatto risultato in gara lì e negli altri due GP del trittico oltreoceano, sono comunque soddisfatto."

Quale definiresti come il tuo peggior GP dell'anno?

"Austin, non ho dubbi. Mi era sembrato difficile già dall'inizio ed infatti non sono mai riuscito ad andare forte. Ci provavo ma non ce la facevo a spingere e non capivo perchè. Era solo la terza gara dell'anno, forse si trattava di quello."

Sei salito quattro volte sul podio: secondo a Le Mans e al Sachsenring, terzo a Jerez e Misano, ma di pole neanche l'ombra...

"Non sono bravo in qualifica, mi riesce sempre meglio in gara. E' una questione su cui dovrò lavorare il prossimo anno. La Moto2 è davvero molto diversa dalla Moto3, ora qui tutti i motori sono uguali (Honda 600 ndr) è stato facile essere più costante."

Come hai vissuto la vittoria di Morbidelli? 

"Mi sono sentito orgoglioso di lui, gli ho fatto dei gran complimenti se li merita tutti, siamo molto uniti". 

Marquez, Zarco, Vinales e Rins erano Rookie, ora campioni in MotoGP

"Dici che potrebbe essere una via predestinata? (ride) Non posso che esserne contento. Loro per me sono di stimolo e di grande ispirazione. Sono piloti che ammiro molto, i piu forti che ci siano. Li ho sempre tenuti d'occhio, già dal 2011 quando il titolo lo vinse Marquez,. E' bello vedere cosa fanno di stagione in stagione e dove arrivano. La MotoGp è il sogno di tutti noi che corriamo, loro ce l'hanno fatta, sono di buon auspicio."

Lo Sky Racing Team VR46 ora cambia, Manzi e Migno (per Moto3 ) lasciano e già dai prossimi test ti ritroverai un compagno come Luca Marini

"Credo che ancheil box cambierà abbastanza, Luca ha molta esperienza e dovrà puntare in alto. Non mi spaventa, faremo un gran lavoro di squadra. Mi piace confrontarmi con un compagno come lui, sarà stimolante. Luca guida in maniera diversa da me e possiamo prendere spunto l'uno dall'altro. Se impostiamo il giusto rapporto già da subito sarà tutto più semplice. A Manzi auguro un grande in bocca al lupo, è stato un bravo compagno".

Come saluti Migno?

"Andrea casca in piedi, va in una ottima situazione, già da giovedì si proverà con i colori dell'Aspar Team, li conosco bene, lo aiuteranno molto". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche