MotoGP 2018, GP d'Argentina: Lorenzo chiamato al riscatto

MotoGp

Antonio Boselli

Jorge Lorenzo (Getty)
lorenzo-pp-getty

Settimana di pausa per la MotoGP, che torna in pista in Argentina per il secondo Gran Premio della stagione. Dopo una scivolata in Qatar, Lorenzo è già a caccia della svolta

Gli approfondimenti in Reparto Corse MotoGP ogni martedì alle 14.30 su Sky Sport24 (canale 200)

LORENZO, INTERROTTA LA COLLABORAZIONE CON DEBON

LA CLASSIFICA - IL CALENDARIO

Jorge Lorenzo pensava e sperava di arrivare in Argentina in una condizione decisamente migliore. Dodici mesi fa a Termas de Rio Hondo il pilota spagnolo è stato autore di una brutta caduta, uno dei momenti di massima frustrazione per lui che proprio non riusciva a digerire la Ducati. Da quel momento però è iniziato un lento progresso, con tre podi tra cui il secondo posto alla penultima gara in Malesia. Il 2018 sembrava poter iniziare nel migliore dei modi, ma i test in Tailandia hanno riproposto un Lorenzo incostante e decisamente più indietro rispetto a Dovizioso. Anche la scelta di affidarsi ai consigli di Alex Debon, ex pilota, per migliorare le prestazioni si è rivelata sbagliata, tanto che dopo solo una gara la collaborazione è già naufragata. Ma forse è un bene, perché nelle prossime gare Lorenzo è chiamato a ritrovare la giusta direzione e riaffidarsi agli uomini Ducati può ridare stabilità all'interno del suo angolo di box. Il contratto è in scadenza e non è scontato che la Ducati lo rinnovi a prescindere. I tempi sono stretti, a Jerez de la Frontera, da tradizione, si stringono le mani, quindi le prossime due gare potrebbero risultare decisive per tutti i piloti che devono ancora firmare un contratto.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche