MotoGP 2018 in Argentina, Dovizioso: "Le parole di Lorenzo? Tutto ok, siamo rivali"

MOTOGP

Dovizioso minimizza dopo le parole di Lorenzo: "Non c'è nulla di particolare, poi non sono uno molto politico o che lavora tanto su queste cose"

ROSSI CONTRO MARQUEZ: "E' PERICOLOSO, CON LUI IN PISTA HO PAURA" - ASCOLTA L'INTERVISTA INTEGRALE

GP ARGENTINA, LA GARA DI MOTOGP GIRO DOPO GIRO

MARQUEZ AL BOX YAMAHA A FINE GARA, UCCIO LO ALLONTANA

LA CLASSIFICA

IL CALENDARIO: PROSSIMA TAPPA AUSTIN

Non ha seguito la linea di Jorge Lorenzo, Andrea Dovizioso: dopo le pesanti parole dello spagnolo ("Dovi ha sempre cercato di indebolire il mio morale e continua a farlo anche ora che sono il suo compagno di squadra in Ducati") arriva la sua risposta, ma si tratta di una dichiarazione dal basso profilo. Invece di alimentare ulteriori polemiche, infatti, Dovizioso minimizza: "Siamo tutti avversari, quindi è normale, si cerca sempre di essere il pilota migliore. Corriamo nella stessa categoria dal 2001, in questi anni sono successe tante cose. Abbiamo corso in diverse classi, con moto diverse e anche con la stessa moto, ma c'è sempre stata una rivalità in pista e fuori, come è normale che sia". "Non vedo nulla di particolare nelle sue dichiarazioni, poi non sono uno molto politico o che lavora tanto su queste cose", conclude Dovizioso, "Sinceramente, i miei risultati dell'anno scorso sono il frutto del lavoro che ho fatto su me stesso.

Le parole di Lorenzo

A Movistar MotoGP Jorge Lorenzo ha parlato così del rapporto con Dovizioso: "E' molto intelligente, praticamente sa tutto. Nel corso della mia carriera Andrea ha sempre cercato di indebolire il mio morale e continua a farlo anche ora che sono il suo compagno di squadra. Non è qualcosa di nuovo". Le dichiarazioni di Lorenzo sono arrivate dopo un'intervista rilasciata da Dovizioso in Qatar, in cui aveva spiegato di aver capito i problemi del compagno di team, ma non ritiene comunque corretto parlarne in pubblico. "Questa è la relazione che ha con me attraverso la stampa, ma è un ragazzo tranquillo e abbiamo un rapporto cordiale. Ma va bene così, perché veniamo qui per vincere e l'amicizia va riservata ad altri scenari, non al paddock".

I più letti