MotoGP 2018, GP Argentina. Marquez sul contatto con Rossi: "Nessuna follia". Sky Tech lo smentisce

MotoGp
GP Argentina, incidente Marquez-Rossi: lo spagnolo sperona Vale a 4 giri dal termine

Sul tracciato argentino, nella seconda tappa del Motomondiale, è successo praticamente di tutto. Ma l'episodio principale è il contatto tra Marquez e Rossi, speronato dallo spagnolo a 4 giri dalla fine. Vale: "Distrugge il nostro sport, con lui in pista ho paura", lui si difende: "Incidente legato alle condizioni critiche della pista, non ho commesso una manovra folle". Lo Sky Tech, che si concentra sulla forcella della Honda di Marquez, spiega nei dettagli dove e come lo spagnolo abbia esagerato

DUELLO ROSSI-MARQUEZ, LA RICOSTRUZIONE DI GUIDO MEDA

ROSSI: "MARQUEZ E' PERICOLOSO, CON LUI IN PISTA HO PAURA"

GP ARGENTINA, LA GARA DI MOTOGP GIRO DOPO GIRO

MARQUEZ AL BOX YAMAHA A FINE GARA, UCCIO LO ALLONTANA

 

"Non ho fatto alcuna manovra folle: le condizioni della pista erano critiche, ho preso una riga d'acqua, si è chiuso lo sterzo e c'è stato il contatto con Rossi. E' andata così. Ma non l'ho puntato, non faccio mai apposta a buttare giù un pilota": sono queste le parole con cui a fine gara Marquez si difende dall'accusa di Rossi ("Ho paura a stare in pista con lui perché so che mi viene addosso, lo fa apposta, distrugge il nostro sport, non ha rispetto per gli avversari") dopo averlo speronato a 4 giri dal termine nel GP d'Argentina. Nessuna pazzia, dunque, nessun errore volontario. Eppure, come mostra lo Sky Tech un errore lo spagnolo della Honda lo ha commesso. All'ingresso della curva 13 del circuito di Termas de Rio Hondo nel filmato si vede subito che Marquez è più veloce di Rossi e sceglie una traiettoria interna, cercando un sorpasso troppo azzardato. L'angolazione dall'esterno dell'analisi di Mauro Sanchini è focalizzata sulla forcella di Marquez e mostra in particolare il momento decisivo in cui lo spagnolo cerca di portare il sorpasso fino in fondo, alleggerendo la frenata per avere maggiore velocità di ingresso. Il contatto con la Yamaha di Rossi a quel punto è inevitabile. Un contatto inutile, sia dal punto di vista tattico sia per dal punto di vista della classifica del Motomondiale, ma di sicuro un contatto dalle pesantissime conseguenze sul rapporto tra i due piloti e sull'intera stagione appena cominciata.

"Sono uno onesto", ha aggiunto a fine giornata Marquez, "Ho fatto un errore, ma assolutamente involontario, in un punto nel quale hanno sbagliato anche Zarco e Petrucci. Mi hanno penalizzato, è stato giusto, ma è stato sbagliato darmi il ride through per la partenza, la trovo una scelta eccessiva".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche