MotoGP, Zarco ufficiale alla Ktm dal 2019: contratto di due anni

MotoGp
Johann Zarco, pilota francese della Tech3 (foto getty)

Dopo tante indiscrezioni, è arrivato l'annuncio ufficiale: Zarco correrà con la Red Bull KTM. Il francese, attualmente al team Tech3, ha firmato un contratto biennale per le stagioni 2019 e 2020. "La mia carriera continuerà dove tutto è iniziato. Voglio raggiungere il livello di Marquez con questa moto e il mio stile di guida". Johann farà coppia con Pol Espargaró

JEREZ, VITTORIA DI MARQUEZ

L'INCIDENTE TRA DOVI, LORENZO E PEDROSA

CLASSIFICA E TEMPI

IL CALENDARIO: PROSSIMA TAPPA LE MANS

Tutti lo cercano, tutti lo vogliono. Honda? Yamaha? No, Zarco ha firmato un contratto di due anni con la KTM per le stagioni 2019 e 2020. Il pilota francese, attualmente al team Tech3, ha dato l'annuncio ufficiale attraverso un post su Facebook: "La mia carriera continuerà dove tutto è iniziato, dalla Red Bull Rookie Cup alla conquista del titolo MotoGP. Sono molto felice di guidare questa KTM, con la quale condividiamo le stesse ambizioni: ready to race!". Dopo tante voci di mercato, Zarco riabbraccia quindi la KTM, dove farà coppia con Pol Espargaró. La notizia ha trovato riscontro, naturalmente, anche da parte della Red Bull KTM, che ha confermato ufficialmente la firma del contratto di Zarco con un comunicato stampa. Pare che il francese sognasse di guidare una Yamaha ufficiale, ma i rinnovi di contratto di Valentino Rossi e Maverick Vinales gli hanno impedito di proseguire in questa direzione. Sul fronte Honda, invece, l'affare non si è mai concretizzato perché probabilmente le ambizioni di Zarco avrebbero potuto rischiare di scontrarsi con quelle del campione del mondo Marc Marquez. La scelta del francese (due volte campione del mondo della Moto2) è ricaduta quindi sulla KTM, anche perché il suo attuale team, guidato da Hervé Poncharal, dal 2019 lascerà la Yamaha per diventare parte del progetto della casa austriaca.

Marquez nel mirino

Zarco chiarisce la scelta anche in conferenza: "Non ho detto che non voglio essere il compagno di squadra di Marc Marquez, però il punto è che se sei di fianco a lui e vuoi vincere delle gare devi essere forte come lui o addirittura più forte. Io ho pensato che se hai un livello tale di guida puoi sfruttare una moto come la KTM, è per questo che ho voluto questa sfida. Non dico di essere al suo livello, ma voglio raggiungerlo e farlo con il mio stile di guida".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche