Moto2, GP di Germania. Vince Binder. Primo podio per Luca Marini

MotoGp

Francesco Berlucchi

Una gara tutta in rimonta per Francesco Bagnaia, coinvolto nella caduta di Mattia Pasini. Pecco rimane leader del campionato, ma è del compagno di squadra l’impresa del giorno. Marini chiude terzo alle spalle di Binder e Mir, e conquista il primo podio in carriera nel Motomondiale

IL RACCONTO DELLA GARA DI MOTOGP

IL CALENDARIO

LA CLASSIFICA

Pasini, Marini, Bagnaia. Si parte così, con una fantastica prima fila tutta italiana. Per Mattia Pasini è la settima pole in Moto2, mentre Luca Marini è alla sua seconda prima fila consecutiva.

Parte male Pasini, molto meglio i due piloti dello Sky Racing Team VR46. Lorenzo Baldassarri perde quattro posizioni, e scivola fino alla nona. Ma il patatrac accade quando Paso perde il posteriore e poi anche l’anteriore. Pecco cerca di evitarlo, ma il leader del campionato rimane coinvolto. Deve uscire dalla pista, rimane in piedi nella ghiaia ma al suo rientro si trova immediatamente in fondo al gruppo.

In un giro e mezzo cadono altri tre italiani: Baldassarri alla curva 2, Andrea Locatelli alla 13, Stefano Manzi alla 12. Joan Mir attacca Marini e guadagna la testa della corsa. Ma il vero spettacolo è qualche metro più indietro, dove Miguel Oliveira e Alex Marquez scatenano la bagarre e arrivano anche al contatto tra la KTM e la Kalex. Il portoghese conquista la quinta posizione, che però nei giri successivi non riesce a migliorare.

Cosa che riesce, invece, a Brad Binder quando mancano 18 giri al termine. Il campione del mondo Moto3 ha la meglio su Mir e va in testa. Mentre Marini mantiene la terza posizione e rimane stabilmente nel terzetto di testa con il sudafricano e il maiorchino.

Cinque giri dopo, ecco l’attacco dell’italiano. Che sembra andare lungo alla staccata, ma riesce a chiuderla ed esce dalla curva davanti a Mir. Lo fa di carattere, proprio come lo è l’intera gara di Bagnaia, costretto ad una lunghissima rimonta per perdere il minor numero di punti possibili da Oliveira e Marquez.

Nel frattempo, Mir torna davanti a Marini. Vince Binder, Marini ci prova e rimane attaccato a Mir. Niente da fare, ma per Luca è il primo podio in carriera. Bagnaia, invece, riesce addirittura a sorpassare Alex Marquez e chiude 12esimo. Oliveira è quarto e porta il suo distacco da 16 a sette punti dal pilota dello Sky Racing Team VR46, che rimane leader del campionato.

«Non ci voleva quel secondo giro – commenta Bagnaia –, ma sappiamo che le gare sono così. Il passo per il podio ce l’avevo, comunque è stato molto importante prendere punti». «È stata tostissima – spiega Marini –. Giovedì, quando ero ancora a casa, non sapevo neanche se fossi riuscito a finire la gara a causa della spalla dolorante. In pista ero il più veloce, volevo vincere. Ma per arrivare in alto bisogna iniziare dal primo gradino, e noi lo faremo».

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche