MotoGP, GP Australia 2018. L'editoriale di Guido Meda: Andrea Dovizioso e Valentino Rossi, adesso giocate voi!

MotoGp

Guido Meda

In Australia i due italiani si trovano vicini in classifica e in gara per lo stesso obiettivo. Phillip Island, in teoria, non aiuta la Ducati e agevola la Yamaha. Ma la teoria quest’anno è già saltata in aria altre volte

GP AUSTRALIA, VINCE VINALES

LA CLASSIFICA - IL CALENDARIO

Ora che il Mondiale è di Marquez e ora che probabilmente Marquez correrà da matto per vincere tutto di quello che resta, la bagarre residua si sposta sui due italiani migliori che abbiamo. Rossi e Dovizioso, che non a caso si trovano a giocare per la seconda posizione del Mondiale. Un titolo di vicecampione del mondo non esiste. Esistono però l’amor proprio, lo sport e anche i premi in denaro. I due sono separati da nove punti in classifica, dopo lo zero con cui Dovi ha dovuto dare l’addio definitivo alle speranze per il titolo e anche al GP del Giappone di una settimana fa. Nove punti di vantaggio per lui su Rossi e Phillip Island sul loro cammino che è tutta una cosa speciale. La pista australiana non ha grandi staccate, non è un tracciato che esalta le doti di un gran motore e non è fatta nemmeno per chi non ha grande velocità a centro curva. Ecco, tutta roba contro la Ducati insomma, che infatti ha sempre considerato il GP d’Australia la chiave di quest’anno per scoprire se la propria moto è finalmente davvero completa. Una specie di prova del fuoco, dove peraltro a Dovizioso guidare non piace nemmeno granché. In compenso è una delle poche piste che sulla carta dovrebbero andare incontro alle caratteristiche così instabili della Yamaha di quest’anno, forte a centro curva e finalmente alle prese con temperature primaverili invece che torride e con un buon grip naturale sull’asfalto. Valentino perlomeno ci conta per provare a recuperare quei nove preziosissimi punti a Dovi. Ed è incredibile come, a dispetto di una stagione tremenda, non perda un minuto per provare a dare quel meglio di sé che lo mantiene stabilmente il miglior pilota in Yamaha e in classifica. Tutto mentre Lorenzo in Spagna si è fatto operare e sarà sostituito da Bautista. Tutto mentre Bagnaia gioca la prima corsa per il titolo della Moto2. Tutto mentre Bezzecchi è di nuovo in gara per quello della Moto3. Dovrebbe bastare per svegliarsi domenica mattina più presto del solito.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche