MotoGP, GP Australia 2018. L'editoriale di Guido Meda: "Piove Marquez!"

MotoGp

Guido Meda

La pole meno scontata va al pilota più coraggioso. Si svegliano le Yamaha e la Ducati risponde, anche se il favorito in caso di asciutto resta Iannone. Soffrono Bagnaia e Bezzecchi che inseguono i titoli di Moto2 e Moto3

GP AUSTRALIA, VINCE VINALES

LA CLASSIFICA - IL CALENDARIO

Quando non te lo aspetti granché un Marquez pazzesco ti piove dal cielo e fa la pole in Australia, che di tutte le piste degli ultimi tempi sembrava quella che lo faceva soffrire di più. Mai realmente a posto in prova, sempre un po’ appeso ad un filo, spesso a rischio caduta e difficilmente davanti a tutti, ha trovato una pioggerellina di quelle pericolose per fare la differenza sugli altri. Con il coraggio. Il coraggio un po’ scriteriato di chi ha la moto in mano e il Mondiale già in tasca. Il trucco, facile ma solo a dirsi, è quello di entrare in pista con le gocce che ti cadono sul casco e fare finta che sia ferragosto con il sole che spacca le pietre. Riesce solo a lui, che si infila davanti alle due Yamaha di Vinales e Zarco. La Yamaha, che ha un Valentino Rossi più cauto dalla settima casella, sembrano tutte abbastanza a posto sulla pista australiana, che privilegia le moto capaci di fare alte velocità di percorrenza in curva. A Valentino manca un po’ storicamente il guizzo immediato quando le condizioni sono così. Per la domenica mattina, quando in Italia saranno le 6, dovrebbe essere asciutto e la storia potrebbe essere diversa e contemplare anche la Ducati di Dovizioso, che ha sofferto quanto Rossi e scatta dalla nona casella. Il favorito della corsa resta Andrea Iannone con la Suzuki. La sua qualifica non è stata un capolavoro, parte quarto, ma dopo due giorni di prove è sempre al top, quanto a velocità, istinto e anche passo. Del resto due anni fa era stato lui il primo, dopo Stoner, a dimostrare che la Ducati anche in Australia poteva dire la sua. La tensione più alta però riguarda Moto2 e Moto3, con gli italiani Bagnaia e Bezzecchi in piena lotta per diventare campioni del mondo. A Bagnaia è capitata una qualifica proprio brutta, sedicesimo, ma per sua fortuna con l’avversario Oliveira ventesimo. Bezzecchi è quindicesimo. Come a dire che per vincere bisogna proprio sudarsela tutta.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche