Moto2, GP Valencia 2018. Lecuona è il migliore sotto il diluvio, seguito da Marquez e Oliveira

MotoGp

Paolo Lorenzi

Classifica di giornata stabilita al mattino. La pioggia intensa del pomeriggio complica tutto. Tante la cadute, spiccano gli specialisti del bagnato: quarto Joe Roberts, quinto Baldassarri davanti a un prudente Bagnaia. Marini alle prese con il vecchio dolore alla spalla

LA GARA DI MOTOGP

Tempo da lupi anche per la Moto2. Piove che dio la manda, freddo e umidità penetrano sotto la tuta e trovare forza e voglia di scendere in pista non è facile. Le motivazioni non sono le stesse per tutti: per Pecco Bagnaia più che altro è il desiderio di onorare il titolo appena conquistato. Ma senza prendersi rischi inutili (bisogna pensare anche ai test con la Motogp in programma martedì e mercoledì prossimi). Per chi ha raccolto poco quest’anno, potrebbe essere l’ultima passerella per mettersi in vista, accontentare gli sponsor, togliersi qualche soddisfazione. In FP1 si mette in luce Iker Lecuona, spesso più brillante in prova che in gara. Tre posizioni più in là spunta uno specialista del bagnato come Joe Roberts. Il neo iridato strappa il sesto posto sul finale, a distanza di guardia da Oliveira (terzo) e Marquez (secondo), uno dei più motivati (c’è in ballo il derby in famiglia con Joan Mir, staccato di soli due punti in classifica). Davanti al pubblico di casa può esserci un’extra motivazione ma all’inizio del secondo turno lo spagnolo scivola d’avantreno.
Le condizioni dell’asfalto al pomeriggio d’altronde sono davvero al limite: pozze e rigagnoli rendono la pista quasi impraticabile e rischiosa. Sugli spalti un timido pubblico si ripara sotto ombrelli e cerate, con tazze di bevande calde in mano. Sembra un controsenso girare in queste condizioni, ma se le previsioni confermeranno la pioggia per domenica non c’è altro da fare: bisogna comunque provare. I piloti da bagnato patiscono di meno: già detto di Roberts, anche Corsi e Baldassari si piazzano subito davanti (manca però Pasini, fermo a lungo al box). Tante le scivolate, compresa quella di Luca Marini alle prese con il riacutizzarsi del vecchio dolore alla spalla (già deciso l’intervento a fine mese). Pasini rimedia la seconda caduta di giornata a fine turno. La classifica conferma quanto intravisto: davanti ci sono Lecuona, un felicissimo Niki Tuuli mai arrivato così in alto in un turno di libere, e Baldassarri. Roberts, quarto, precede Vierge e Oliveira. Bagnaia, prudentemente, chiude tredicesimo. Nessuno, tranne il finlandese, Remy Gardner e pochi altri migliorano i tempi del mattino che restano i più veloci della giornata. Tutto rimandato a domani.

Moto2, GP Valencia tempi FP2 - Top 25

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche