Superbike, Temporali: "Bautista fa il curvone di Phillip Island da paura!"

MotoGp

Max Temporali

A. Bautista (foto: Getty)

Piega & Spiega. Ecco dove Alvaro Bautista con la Ducati Panigale V4R fa la differenza nella bellissima Phillip Island

I mondiali World Superbike, World Supersport, World Supersport 300 live su Sky Sport MotoGP: qui tutti i dettagli  

LO SPECIALE SUPERBIKE

Nell’ultimo settore stende gli avversari con un colpo netto, li lascia stramazzati e storditi. Perché è lì che Alvaro Bautista con la sua Ducati fa la differenza a Phillp Island. Il T4 è il tratto compreso tra l’ultimo scollino a destra, da prima marcia, e la linea del traguardo, passando per quel lunghissimo curvone a sinistra in cui si accelera dolcemente dosando il gas, appoggiando seconda-terza-quarta su una linea precisa e senza esagerare per non cuocere la gomma. Nell’ultimo turno di prove Bautista è stato 3 decimi più veloce del secondo: 25.024 contro 25.337 di Sykes. E’ stato persino più rapido della Superpole 2018 (25.259). Una differenza così grande in un solo settore, non si vede praticamente mai tra il primo e gli altri.

Ma vi dirò di più: Bautista è stato anche 2 decimi più rapido di sé stesso rispetto alla qualifica dell’ottobre scorso con la Ducati MotoGP e con questo tempo eguaglia il parziale che Dovizioso stampò sempre nella stessa occasione. Merito della Panigale V4 ? Credo solo in parte, perché le altre Ducati, proprio lì su quel curvone, si prendono 7 decimi, Davies compreso. Qui conta più l’elettronica e la pulizia di guida, che la potenza stratosferica di questa belva che, con uno slancio così, va a prendersi anche la velocità massima più alta, quasi 315 km/h (Melandri con la scia sfiorò i 318 con la bicilindrica in gara 2 nel ‘18, ndr).

Phillip Island è la gara più strategica del campionato, i piloti partono sempre piano per conservare le gomme e per oltre metà gara gestiscono la velocità. Quando hai però tutto questo margine su cui contare, significa che almeno un settore te lo fai con la pipa in bocca e Bautista può tranquillamente iniziare a fumare, perché, guarda a caso, è il tratto più importante per la volatona finale. Insomma le Ducati soffrono, tutte tranne la #19. E se si corresse domani, scommetterei proprio su di lei.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche