Moto2, GP Silverstone: Marini in top ten

Moto GP

Nel dodicesimo appuntamento stagionale, Luca chiude nono al GP di Gran Bretagna. Giornata complessa per Nicolò, ventesimo al traguardo. Nieto: "Ci aspettavamo un'altra gara, arriveremo pronti al GP di casa"

Sky VR46, studia il nuovo asfalto

Dopo il GP di Spielberg, torna in zona punti Luca Marini che conquista il nono posto sul circuito di Silverstone, dietro a Thomas Luthi e a tredici secondi dal vincitore Augusto Fernandez. Maro è partito subito forte con un doppio sorpasso, proprio ai danni dello spagnolo e su Ramy Gardner. In seguito al corpo a corpo con il pilota australiano ha perso tre posizioni. E' stata una gara di sacrificio e nel finale è entrato nei primi dieci. "Non sono mai stato davvero veloce - spiega Luca - anche se, in qualifica, sono riuscito a fare un buon giro. Pensavo di avere un ritmo più vicino ai primi e sono partito per la gara con un assetto simile a quello usato in Austria. La pista era molto diversa e ho fatto molta fatica, soprattutto in inserimento. Ho cercato di tenere duro, non commettere errori e portare a casa punti. Dobbiamo analizzare i dati e capire dover poter intervenire. Un assetto come quello di Spielberg potrebbe essere un buon punto di partenza a Misano."

Giornata meno brillante per Nicolò Bulega che aveva ben impressionato nel sabato di Silverstone. Il pilota emiliano subito dopo lo start ha perso sette posizioni e ha fatto fatica a tenere il passo dei più forti. Bubi ha chiuso il GP di Silverstone al ventesimo posto, dietro a Marco Bezzecchi. Le sensazioni del pilota Sky VR46 che è gia proiettato al prossimo appuntamento di San Marino. "Una gara complicata - commenta Bulega - non sono partito male, ma dall’inizio ho fatto fatica a tenere il ritmo del gruppo. Non avevo feeling con la moto e non riuscivo a guidare come avrei voluto. Dobbiamo recuperare terreno verso Misano".

Nieto: "Valuteremo cosa non è andato"

Il bilancio della gara odierna da parte del Team Manager Sky VR46. "Non è stata la gara che ci aspettavamo. Fin dai primi giri, abbiamo iniziato ad avere qualche problema che ancora stiamo cercando di valutare nei dati a disposizione. Dobbiamo capire esattamente cosa è successo per arrivare pronti al GP di casa".

I più letti