Marco Simoncelli più lontano, ma è ancora qui tra di noi

Per sempre Sic
Paolo Beltramo

Paolo Beltramo

Ti vedeva, si fermava e ti abbracciava. Marco era così. Anzi, Marco è così: perché il Sic è ancora tra di noi. Nel giorno in cui avrebbe compiuto 33 anni, l'eredità di Simoncelli continua a far nascere sorrisi anche dal dolore

Il 20 gennaio 2020 ne avrebbe compiuti 33, un numero importante, legato a molti aspetti della nostra cultura, ma come ormai da 9 anni, Marco Simoncelli non ci sarà. O meglio, ci sarà, ma non fisicamente. Lui che aveva un modo così fisico, tattile di stare con la gente: era abbraccioso, dava pacche, tendeva la manona. Soprattutto ti abbracciava. Ecco lì, che non c'è più, lo si sente tanto, tantissimo, magari con un po’ meno violenza col passare del tempo, ma con la stessa assolutezza e profondità, con la stessa disarmante certezza. Eppure spesso Marco per me c'è: nei discorsi quando lo ricordiamo, quando ce lo raccontiamo, quando immaginiamo come sarebbe stato il motociclismo se lui ci fosse stato, come sarebbe andata a finire con Marquez, se e quanto avrebbe vinto… Invece tutto finisce quel 23 ottobre del 2011 al secondo giro del Gran Premio della Malesia a Sepang, sul circuito che si chiama SIC, Sepang International Circuit, quello dove ha vinto il suo titolo con la Gilera 250, quello dove per la prima volta è stato il più veloce nella MotoGP nei test invernali. Quello dove Marco, almeno il pilota, si è fermato.

Valentino Rossi abbraccia Marco Simoncelli il 26 ottobre 2008 a Valencia

L'eredità del Sic

Però non possiamo dire che sia davvero finito, non del tutto. Perché il Sic c'è ancora nel cuore di tantissima gente ovunque nel mondo, perché il suo 58 lo vedi nelle bandiere che ancora sventolano sbiadite, negli adesivi magari un po' scoloriti, ma tenaci, attaccati a moto, auto, camion, camper, bici, valigie… Significa che qualcosa di importante, di bello, di buono, di vero ce l'ha lasciato. Nessuno è riuscito a scavare un vuoto tanto largo e profondo avendo vinto un solo titolo in 250. Vuol dire che non è stato soltanto, né soprattutto il pilota a mancarci. Ci mancano lui, i suoi valori, il suo carattere sincero, divertente, puro. La sua cattiveria in pista e la sua bontà nella vita. Ma ancora non basta a spiegare il fenomeno SIC.

La festa per il titolo 250 nel 2008, celebrata nel ristorante italiano al centro di Kuala Lumpur

Hanno fatto molto la famiglia, la Fondazione, la Squadra Corse in sua memoria voluta da babbo Paolo, gli amici, gli appassionati, i volontari, le feste, le celebrazioni, il Museo di Coriano e la fontana di luce che ogni domenica al tramonto per 58 secondi spara una fiammata verso l'orizzonte, laggiù verso il mare, così legato a quella collina romagnola, c'è il Circuito di Misano diventato "Marco Simoncelli", la strada che gli gira intorno pure lei dedicata a Marco, il monumento nella rotonda che attraversi per andare al circuito venendo dal basso, dalla costa, i libri che sono usciti su di lui, il nostro documentario "La regola di Marco" e tante altre piccole grandi cose come il Sic Day di Latina, la "spurtlèda" prima della gara di Misano, il "Buon Compleanno Sic" … Tutto ciò ha fatto molto, moltissimo. Ma non tutto. Non sarebbe bastato senza Marco.

Marco Simoncelli abbraccia un componente del suo team dopo la vittoria in 250cc al Mugello (1 giugno 2008)

Perché proprio lui?

E così mi chiedo perché lui, proprio lui. Me lo sono chiesto dal giorno del suo funerale, confesso in disaccordo con le certezze così assolute del rito che veniva celebrato, avevo dei dubbi, rabbia, dolore. Perché proprio lui? 

Ho cercato una risposta. La più frequente che mi viene è che ci fosse, che c'è bisogno di esempi. Buoni esempi. C'è bisogno di capire cosa possiamo perdere in un attimo, di capire che è meglio cercare di raggiungere e vivere il proprio sogno in modo puro, onesto, sincero, dando tutto ed essendone consapevoli. Senza cattiverie, inganni, soprusi, ruberie. Forse serviva un esempio che ci mancasse nel suo colore per stimolarci a dipingere certe nostre ombre scure. Chissà…

Una cosa è certa, nonostante ci abbia lasciati a soli 24 anni, nel pieno della sua carriera, Marco Simoncelli era felice. Non ha sofferto, è scappato all'improvviso, di colpo, mentre era felice delle sua vita, in pace col mondo, pieno di amici, circondato d'amore, d'allegria, e soprattutto consapevole di tutto ciò. Consapevole di essere un privilegiato, una persona felice, uno che viveva appieno la sua vita in un mondo dove esistono miliardi di esseri umani che vivono, ma non sono vivi davvero perché soffrono di guerre, carestie, povertà…

Paolo Beltramo e Marco Simoncelli sotto le torri Petronas in Malesia nel 2010

La bellezza di far nascere i sorrisi dal dolore

Per questo voglio chiudere con il ricordo di Marco amico delle persone meno fortunate, sensibile con loro. E difatti la cosa fisicamente più importante che ci ha lasciato è la "Casa Marco Simoncelli" di Coriano. Costruita con le donazioni di chi voleva bene al Sic e gestita da suore che hanno dedicato la propria vita ad aiutare chi non ce la fa da solo. Ormai la casa è finita, il suo lavoro sta partendo e così in famiglia si sono detti: "Il grosso l'abbiamo fatto, anche la festa per il suo compleanno forse ha un po' esaurito il suo scopo". Vedremo, di persone da aiutare è pieno il mondo. E io spero che il suo ricordo continui a far sorridere gente che non lo fa mai. Che dal dolore e dal vuoto nascano sorrisi è la cosa più bella che si possa fare, Marco Simoncelli c'è riuscito.  È perché eri così che ti volevamo bene, anche se allora sembrava tutto normale e semplice, naturale. Invece è stato speciale. Ciao Marco, un abbraccione

Un abbraccione tra Simoncelli e Paolo Beltramo. Marco era così: ti vedeva, si fermava e ti abbracciava

MOTOGP: SCELTI PER TE