Moto2, GP Jerez (Andalusia): 1° Bastianini, 2° Marini, 3° Bezzecchi. HIGHLIGHTS

MotoGp

Italia da record nel GP di Andalusia: dopo il terzo posto di Vietti nella gara di Moto3 arriva un podio tutto italiano in Moto2. Trionfa Bastianini, dietro di lui c'è la coppia dello Sky Racing Team VR46 Marini-Bezzecchi

GP ANDALUSIA, IL RACCONTO DELLA GARA DI MOTOGP

Sventola il tricolore sul podio di Jerez, risuona l'inno di Mameli. Per la prima volta nella storia della Moto2 tre piloti italiani nelle prime tre posizioni: Bastianini, Marini, Bezzecchi, gli eroi di una giornata indimenticabile. Il pilota dell'Italtrans ha ottenuto la sua prima vittoria di categoria, davanti ai due piloti dello Sky Racing Team VR46. Sempre consistente Marini che rispetto al successo della domenica scorsa sembrava leggermente appannato. Pura illusione, nonostante le prove meno convincenti in gara il pesarese ha mostrato tutto il suo potenziale, cercando, finché ha potuto, di tenere il passo del romagnolo. Oggi irraggiungibile: "Ho spinto tantissimo - ha detto Enea - perché sapevo di essere veloce".

approfondimento

Moto3, trionfa Suzuki. 2° McPhee, 3° Vietti

Sparito nel primo appuntamento spagnolo (dopo il terzo posto in Qatar) Bastianini è spuntato all’improvviso, dopo un inizio di weekend assolutamente anonimo. Salvo ritrovarsi in qualifica e poi in gara. La ciliegina sulla torta l'ha messa Bezzecchi, scattato in pole position, poi bravo ad accodarsi al compagno di squadra senza forzare (memore dello sbaglio della domenica precedente) ma attento a non farsi prendere da Sam Lowes che nel warm up aveva spaventato tutti con tempi sorprendenti. Peccato per Baldassarri caduto a tre giri dal termine e per Dalla Porta scivolato dopo pochi giri dal via. Nono posto per Stefano Manzi e dodicesimo per Bulega. Ancora indietro Di Giannantonio, ultimo tra gli italiani al traguardo, col diciottesimo posto. L’undicesimo di un anonimo Nagashima riapre invece un mondiale partito sotto le sue insegne (due vittorie nelle prime tre gare). In classifica il giapponese è adesso inseguito a due lunghezze da Bastianini, e da Marini, staccato di cinque.

MOTOGP: SCELTI PER TE