MotoGP, Bastianini e il derby con Martin: "Silverstone può aiutare Ducati a decidere"

derby con martin
Paolo Lorenzi

Paolo Lorenzi

©Getty

Il pilota del team Gresini, autore di un super rimonta a Silverstone chiusa ai piedi del podio, ha parlato del futuro e del derby con Jorge Martin per un posto nel team ufficiale Ducati dal 2023: "Questa gara può aiutare nella scelta". Bastianini ha anche spiegato il calo di risultati prima della pausa estiva e ha raccontato il suo GP di Gran Bretagna senza un'aletta (volata via dopo un contatto in partenza)

HIGHLIGHTS - CLASSIFICA PILOTI

"Sono molto contento, una bella gara, peccato il contatto in partenza che mi ha fatto perdere l’ala sinistra”. Enea Bastianini ha ritrovato il sorriso oltre alla confidenza con la sua Ducati, dopo una rimonta che dall’undicesimo posto iniziale (partiva ottavo ma il contatto al via gli ha fatto perdere subito tre posizioni) l’ha portato ai piedi del podio. "Ero in modalità Pac-man per mangiare tutti gli avversari…", ha scherzato. 

Enea: "A un certo punto mi sono fatto condizionare dalle piste"

leggi anche

Le pagelle di Silverstone: Pecco e Ducati da 10

Il momento difficile sembra alle spalle, lo s’era intuito ad Assen, l‘ha confermato lui stesso a Silverstone. “A un certo punto della stagione mi ero fatto condizionare dal pensiero che certe piste fossero inadatte al mio stile di guida. La pausa estiva mi ha aiutato a superare il momento. Ho ritrovato l’ottimismo e i pensieri giusti…”. 

Il derby con Martin per il posto nel team ufficiale

vedi anche

MotoGP, le coppie del Mondiale 2023

Enea non evita il discorso contratto, ma il derby con Martin per l’approdo al team interno Ducati, al posto di Miller che passerà in Ktm nel 2023, non l’ha distratto dalla gara. Anzi, nella sua rincorsa al podio, ha fatto mangiare un po’ di polvere  anche al pur bravo spagnolo, battuto nel finale. Un confronto che potrebbe far pendere la bilancia a suo favore. Enea ne è consapevole: “E’ un aiuto in più per chi deve prendere la decisione”; ovviamente il romagnolo sente di meritarsi il sellino lasciato libero dall’australiano. "Se in Austria dovesse confermarsi questo scenario non vedo perché si debba scegliere diversamente. Jorge è un avversario forte. Vedremo”; comunque vada a finire a entrambi i piloti è già garantita una Ducati ufficiale per il 2023. Si tratta di definire la sistemazione, team ufficiale o team Pramac. L’ultima parola spetta ai vertici di Bologna. “Entro Misano avremo la risposta”, taglia corto Bastianini che non vuole farsi distrarre per restare concentrato sui prossimi appuntamenti.