Honda: ecco il simulatore per lo sviluppo delle auto future

Motori
Honda_simulatorrrr

Honda sfrutterà Driver-in-Motion 250 per lo sviluppo delle sue quattroruote in Europa. Scopriamolo insieme

Oltre ad essere impiegati nello sviluppo di vetture da pista, i prototipi stanno ricoprendo un ruolo sempre più centrale all’interno della progettazione delle auto stradali. Honda ha infatti annunciato l’intenzione di utilizzare  Driver-in-Motion 250, un apparecchio per la realtà virtuale, per progettare le prossime vetture per il mercato europeo.

Il simulatore verrà installato nel 2018 presso il centro tecnico continentale di ricerca e sviluppo del Costruttore nipponico, situato a Offenbach, in Germania. Il DiM250 prevede sistemi di movimento con nove gradi di libertà e dispone di un dispositivo di calcolo estremamente all’avanguardia, capace di ricreare condizioni di guida molto simili a quelle riscontrabili nella vita di tutti i giorni al volante di una macchina reale.

E' costruito da Saginomiya, azienda del Sol Levante leader nella fornitura di dispositivi di collaudo. Honda è la prima casa automobilistica a sfruttare un apparecchio di questo genere: servirà a ridurre i tempi e i costi di sviluppo dei nuovi modelli, valutando gli avanzamenti del ciclo di sviluppo del veicolo prima della costruzione dei prototipi fisici.

"La maggior parte dei simulatori di guida si avvale della tecnologia di movimento derivata dai modelli utilizzati in avionica - spiegano da Honda - ed è generalmente dotata di sei attuatori in grado di offrire, appunto, sei 'gradi di libertà'. Al fine di ottenere una riproduzione accurata delle caratteristiche di corsa, manovrabilità e accelerazione di una vettura con un unico simulatore, il sistema DiM250 si avvale di nove attuatori, per creare gamme di movimento aggiuntive".

Come verrà utilizzato il simulatore nello specifico? "Prevediamo di utilizzarlo prevalentemente per la dinamica dei veicoli e le applicazioni alla corsa oltre a impiegarlo come strumento di importanza cruciale nella fase di sviluppo e collaudo delle nostre tecnologie ADAS, HMI, di propulsione e guida autonoma fin dall'iniziale processo di design" - spiega Yasunori Oku, vicepresidente esecutivo di Honda R&DEurope. "La sua tecnologia fornirà un'ideale piattaforma di sviluppo comune alle nostre attività di R&D su cui tutti i team coinvolti potranno lavorare in un unico ambiente collaborativo".

Powered by automoto.it

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche