Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
21 aprile 2019

NBA Playoff: Boston vince ancora, è 4-0 nella serie. Indiana eliminata

print-icon

Indiana combatte per tre quarti e mezzo alla pari con i Celtics, prima di essere costretta a cedere il passo negli ultimi cinque minuti, in cui Gordon Hayward e buona parte del roster di Boston scavano il parziale decisivo che regala ai biancoverdi per 110-106 il quarto e decisivo successo nella serie

GOLDEN STATE-L.A. CLIPPERS: 3-1 | LE PAROLE DI GALLINARI DOPO GARA-4

MCCOLLUM TRASCINA PORTLAND SUL 3-1 SU OKC

LEONARD DOMINA: TORONTO FA 3-1 SU ORLANDO

VIDEO.TUTTI GLI HIGHLIGHTS

Indiana Pacers-Boston Celtics 106-110

Gordon Hayward aspettava una serata del genere da un anno e mezzo, da quando l’infortunio contro i Cleveland Cavaliers all’esordio della passata stagione lo ha messo fuori gioco per 12 mesi, rimandando il suo appuntamento playoff in maglia Celtics. Per il n°20 biancoverde ha dunque un sapore molto particolare la quarta e decisiva sfida che regala a Boston il passaggio del turno - la prima a riuscirci in questo primo turno, il tutto in una settimana esatta di tempo. Merito dei 20 punti con 7/9 dal campo dell’ex All-Star dei Jazz, dei sette giocatori in doppia cifra e dei 49 punti realizzati in uscita dalla panchina dai tre (senza nulla togliere a Thies) che hanno un peso sul match a gara in corso in favore dei Celtics. Dall’altra parte la risposta di Indiana è corale, con Bojan Bogdanovic che segna 22 punti a cui si aggiungono i 19 di Darren Collison e i 21 in uscita dalla panchina di Tyreke Evans. Canestri che permettono ai Pacers di restare in corsa per 40 minuti abbondanti, prima che il parziale in favore di Boston spacchi in due il match e regali ai biancoverdi il 4-0 nella serie. I Celtics tornano così a vincere in maniera così netta ai playoff a otto anni di distanza dall'ultima volta (lo sweep contro i Knicks nel 2011), in attesa della qualificazione ormai quasi scontata dei Milwaukee Bucks contro Detroit per dar vita contro la prima della classe a Est a una super semifinale di Conference.

Il racconto del primo tempo

Due errori al tiro, un fallo in attacco. I primi tre attaccati dei Pacers portano in dote zero punti, confermando le grandi difficoltà offensive di Indiana - la ragione che ha tenuto avanti Boston nella serie. Dopo 100 secondi è 8-0 Celtics e timeout per i padroni di casa: un pessimo inizio per Indiana. Thaddeus Young dopo due minuti e mezzo trova il gol con i piedi oltre l’arco, muovendo la retina per la prima volta nel match: a quel punto sono i Celtics a iniziare a rimbalzare di continuo contro il ferro avversario, con sei errori consecutivi al tiro che lasciano a Indiana la possibilità di piazzare il 13-0 di parziale. Sul finire di primo quarto l’equilibrio è totale: 17-17 dopo otto minuti di gioco. Tanti errori, ma la partita è combattuta e divertente lo stesso, con Gordon Hayward che entra in campo con impatto e segna sei punti in meno di tre minuti. Al termine del primo quarto però sono i Pacers a chiudere in vantaggio sul 23-21. A inizio seconda frazione, nonostante le palle perse, Boston riesce a tenere botta in difesa - i pochi canestri dei Pacers sono frutto anche dell’ottima protezione del ferro dei Celtics - guadagnando così un minimo di margine dopo un quarto d’ora. Ad aprire il secondo quarto infatti è un parziale da 13-2 firmato Boston, che sembra il preludio ai soliti 12 minuti di astinenza dei Pacers. L’orgoglio però tiene in vita i padroni di casa, sotto solo di tre punti dopo 20 minuti grazie ai canestri dei vari Evans, Sabonis e Joseph in uscita dalla panchina. La scossa emotiva prova a darla Myles Turner, con la giocata più spettacolare del match: ricezione a nove metri da canestro, finta con Al Horford che vola via e penetrazione andando a schiacciare di forza sulla testa di Hayward. Una super giocata che rimette in partita anche il pubblico di Indianapolis, tanto da spingere i Pacers avanti nel punteggio a fine primo tempo: 49-47 Indiana, in una gara tutta da decidere nella ripresa.

Il racconto del secondo tempo

Bastano 57 secondi a Brad Stevens per chiamare il primo timeout della ripresa: da ingenui perdere sul perimetro in transizione Bojan Bogdanovic - il terzo giocatore dei Pacers dopo Turner e Collison a salire in doppia cifra alla voce "punti segnati". Lo spettacolo e i canestri a ripezione non sono certo nelle corde di entrambe le squadre sul parquet, ma la partita è serrata e l'equilibrio resta totale, nonostante Indiana provi in qualche modo a scavare un minimo il solco: a metà terzo quarto è +4 Pacers, mentre Boston prova ad affidarsi al duo Irving-Horford per non allontanarsi troppo dai padroni di casa. Il tempo di un paio di triple a segno dei Celtics e gli ospiti sono di nuovo nel pieno del match: in una partita dal basso punteggio, tre canestri possono cambiare il corso di un intero quarto. Nonostante gli errori da sotto e i canestri mancati per poco, Indiana può sorridere del fatto che dopo due enormi passaggi a vuoto in gara-2 e gara-3, in questo terzo quarto i punti raccolti sono ben 23; tre in meno di quelli segnati dai Celtics, avanti di una sola lunghezza prima dell’ultima pausa del match. Uno dei giocatori più cavalcati anche a dieci minuti dalla sirena è Horford, che tira tanto e male, ma incide a suo modo su una sfida che continua a essere tanto equilibrata quanto combattuta. A otto minuti dalla sirena il punteggio dice 80-80. Evans a bersaglio da una parte, due falli consecutivi su azioni da tiro su Tatum dall'altra - uno dei sette giocatori in doppia cifra alla voce punti (con Cory Joseph punito anche con la sanzione di un fallo flagrant-1). Intensità e talento, in una battaglia che avanza faticosamente verso l'epilogo. Horford tiene avanti Boston con un paio di rimbalzi offensivi, mentre la tripla di Marcus Morris mette quattro punti di distanza tra le squadre a cinque minuti dalla sirena. Al ritorno in campo dall'ennesimo timeout chiamato dai Pacers, è Hayward a portare a casa un gioco potenziale da tre punti che porta il parziale fino al 10-1 in favore dei Celtics. L’ex All-Star dei Jazz bissa con una tripla fondamentale, seguita da una grande difesa di Irving che alimenta il contropiede chiuso con una schiacciata da Tatum e dalla tripla di Marcus Morris che mette una seria ipoteca sulla vittoria della partita e sul passaggio del turno: a due minuti dalla sirena è +10 Celtics. Hayward chiude i conti con la terza tripla a bersaglio della sua partita a 60 secondi dal termine, portando per mano grazie a un ottimo finale Boston in semifinale di Conference.

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi