Please select your default edition
Your default site has been set

Playoff NBA, Portland, occasione persa: Golden State vince in volata, è 2-0 nella serie

NBA

Portland, avanti anche di otto lunghezze nel quarto periodo, perde in volata e va sotto 2-0 nella serie. Iguodola decisivo in difesa su Lillard nell'ultimo possesso, mentre Steph Curry trascina gli Warriors realizzando 37 punti al termine di un bel duello con Seth

"DAME TIME": L'OROLOGIO DI LILLARD SI E' INCEPPATO

DURANT, L'INFORTUNIO NON È PASSATO: FUORI ALTRE DUE GARE

MCCOLLUM INCONTRA JENNIFER: "GRAZIE"

VIDEO. TUTTI GLI HIGHLIGHTS

Golden State Warriors-Portland Trail Blazers 114-111

Per comprendere l'ennesima vittoria targata Golden State, basta partire dalla fine, dall'ultima azione del match. +3 Warriors, palla in mano a Damian Lillard che vuole cercare in tutti i modi di lasciare il segno, forzare l'overtime e magari riaprire una serie in cui le occasioni da sfruttare per i Blazers stanno per finire. Andre Iguodala però è di un altro avviso, perfetto come al solito in marcatura uno contro uno, rapido con le mani nel giro di pochi istanti a sporcare prima il possesso del n°0 Blazers e a rubare poi il pallone. Palla persa e partita chiusa (con pesante ipoteca messa anche sulla serie): 114-111 il risultato finale, sempre in favore della stessa squadra. “Questa è una vittoria che non abbiamo meritato, hanno giocato molto meglio di noi, ma siamo riusciti a strapparla dalle loro mani in qualche modo”, è il primo commento di coach Kerr. Niente Durant, niente Curry, niente uomini copertina nel finale: gli Warriors vincono anche grazie al supporting cast, determinante in un quarto periodo in cui i bi-campioni in carica erano scivolati anche sul -8. Poi è arrivato il 10-0 di parziale - come al solito, penseranno in molti - messo a referto però dalle giocate "degli altri". Iguodala (salito a quota 28 schiacciate realizzate in questi playoff, al primo posto nella Lega) che manda Looney al ferro con facilità, Draymond Green che fa lo stesso prima di mettersi in proprio e chiudere i conti. Realizzano loro i canestri decisivi, a seguito della chiara scelta e del cambio tattico fatto da coach Stotts nell'ultimo quarto - con la difesa Blazers che insegue il n°30 in giro per il parquet senza mollarlo mai. "Questa volta devono batterci gli altri: tutti tranne Curry", è il messaggio nell'ultima frazione. Ma i campioni in carica ci sono riusciti, anche con discreta facilità.

Sfida in casa Curry: 37 Steph, 16 punti e grande difesa per Seth

Il n°30 degli Warriors trova comunque tre punti a cronometro fermo nei minuti finali - il sigillo in una partita da 37 totali, giocata da leader e trascinatore, raggiunti tirando con il 50% dal campo e conditi con otto rimbalzi e otto assist. Senza KD in campo, la sua media punti continua a seguire di pari passo il numero di minuti giocati in questi playoff: 176 minuti sul parquet senza l’ex Thunder, 171 punti totali realizzati. Curry insomma guida il quintetto e gli altri lo seguono senza grosso affanno: Green gioca la sua solita mostruosa partita da 16 punti, 10 rimbalzi, sette assist, cinque stoppate con 8/12 al tiro e tante giocate determinanti nell’ultimo quarto; Klay Thompson ne aggiunge 24 con quattro triple, mentre dalla panchina Looney è perfetto al tiro (6/6), segna 14 punti con sette rimbalzi, restando sul parquet nei 29 minuti in cui si decide la partita - e forse l'intera serie. “Sappiamo di poter rimontare otto punti anche in un solo minuto, soprattutto in casa”, sottolinea il n°23 degli Warriors, trovando conferma per l’ennesima volta nei fatti. Dall’altra parte alla sirena sono 23 punti e dieci assist per Lillard a cui si aggiungono i 22 realizzati da CJ McCollum. Enes Kanter, in evidente difficoltà in difesa (non solo a causa delle precarie condizioni fisiche) resta sul parquet soltanto per 19 minuti, lasciando spazio a un convincente Meyers Leonard – d’impatto anche nei minuti finali della sfida. L’ultimo a mollare invece è Seth Curry, che segna la tripla che riporta in vantaggio Portland a un minuto dalla fine, oltre a rubare per ben quattro volte il pallone dalle mani di suo fratello Steph nell'arco della sfida. Alla sirena per il n°31 Blazers sono 16 punti in 29 minuti, con 5/9 dal campo, quattro triple e un eloquente +13 di plus/minus. Steph dall’altra parte ha chiuso sul +10, ma alla fine, come al solito, il successo l'ha conquistato lui.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.