Please select your default edition
Your default site has been set

Playoff NBA: a Portland mancano i canestri di Damian Lillard e C.J. McCollum

NBA

Limitati anche in gara-3, incapaci di segnare in avvicinamento, imprecisi dalla lunetta: la coppia di guardie di Portland si è schiantata contro la miglior difesa NBA. E i Blazers ne stanno pagando le conseguenze nella serie

WARRIORS FAVOLOSI IN GARA-3, FINALS A UN PASSO

LILLARD E L'INFORTUNIO ALLA COSTOLA

GREEN MVP: "NON PENSO AGLI ARBITRI, MA SOLO A GIOCARE"

Il trascinatore delle prime due serie non c’è più. Il giocatore che segnava canestri impossibili sulla sirena, capace di chiudere partita e qualificazione in un colpo solo, che nelle prime tre settimane di questa post-season è stato uno dei talenti più elettrizzanti dei playoff 2019. Damian Lillard è stanco, infortunato alle costole dopo il colpo in gara-2 e sfiancato da un filotto di dieci partite in 20 giorni che hanno messo alle corde lui e i Blazers, sempre in campo sin da gara-1 contro Denver, costretti a quattro overtime in fila e a sfide spesso decise negli ultimi minuti. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: il n°0 dei Blazers fa una fatica tremenda ad attaccare il ferro contro una difesa in costante raddoppio, con Golden State abile a recuperare e a gestire le situazioni di tre-contro-quattro tutte le volte che Lillard fa uscire la palla dopo il blitz Warriors. I bi-campioni in carica hanno fatto una scelta chiara contro di lui, che sta pagando: negargli completamente l’area, tenendo il più possibile sul perimetro dove l’All-Star di Portland sta sudando non poco per portare a casa qualche canestro. I numeri della serie sono impietosi: Lillard è andato a bersaglio complessivamente 15 volte nella serie (con 14 palle perse), dieci delle quali dall’arco – da dove sta mantenendo un rendimento discreto (10/26, 38.5%). Soltanto cinque invece i canestri arrivati con i piedi dentro l'area, dove la morsa dei vari Green e Iguodala – oltre alla marcatura diretta di Thompson – hanno spesso fatto il resto. In gara-3, a fronte dei 19 punti segnati in 40 minuti, il dato impietoso per il n°0 è il -23 di plus/minus; sintomo di come non sia mai riuscito a incidere in positivo per i propri compagni, a invertire almeno in parte la tendenza. E nonostante il problema al polpaccio che ha costretto Iguodala a restare sul parquet per soli 18 minuti complessivi, la difesa Warriors ha funzionato anche con McKinnie, Looney e Cook in campo. La lunga rotazione di uomini proposta di Steve Kerr infatti sta permettendo alla squadra di San Francisco di tenere alto il livello di intensità e di travolgere nel secondo tempo gli avversari: nella serie Golden State è +55 complessivo nella ripresa, frutta di un +13 in gara-1, +18 nel secondo episodio e +24 nella sfida di Portland. I Blazers dopo 24 minuti vanno in affanno e non sembrano avere a disposizione una soluzione credibile per rispondere all’ondata Warriors. Che arriva sempre puntuale.

E Portland sbaglia (tanto) anche dalla lunetta

Dopo essere sprofondati sullo 0-3 nel punteggio in una serie playoff NBA, mai nessuno è ritornato a galla: il record, aggiornato di continuo anno dopo anno, dice 0-135 quando si parla di speranze di rimonta. E per una Portland ormai senza alcun tipo di certezza, la missione appare se possibile ancora più complicata. Oltre a Lillard infatti, è venuto meno anche l’altro punto di riferimento – CJ McCollum, a cui in molti hanno chiesto un passo in avanti che non è riuscito a fare. Anche lui mai al di sopra dei 23 punti segnati nella serie, nonostante avrebbe dovuto essere uno dei principali beneficiari del sistematico raddoppio portato su Lillard. A crescere invece sono stati il numero delle conclusioni – superiore a quello del n°0 Blazers nella serie – ma non quello dei bersagli. Il sintomo del malessere di Portland è evidente nel quarto periodo di gara-3, con Golden State avanti di un paio di possessi e i padroni di casa mandati più volte in lunetta. Punti decisivi per tenere la scia degli Warriors: tentativi falliti da McCollum a cronometro fermo che hanno così permesso agli ospiti di scappare via e non voltarsi più indietro. Alla sirena finale sono 13 liberi complessivamente sbagliati da Portland, per un 60% dalla lunetta che pesa come un macigno sul risultato. Uno dei tantissimi fattori che hanno costretto i Blazers con le spalle al muro, in una situazione che appare ormai irrimediabilmente compromessa.

I compagni sono dalla parte di Dame: “Basta puntare il dito contro di lui”

“Ho provato a essere aggressivo – racconta Lillard a fine partita, dopo che la notizia del suo infortunio alla costola ha in parte cambiato la valutazione del suo impatto – ho cercato di forzare la loro difesa a compiere delle scelte. Ma il raddoppio su di me, con Draymond Green alle loro spalle a dirigere il resto, ha funzionato. Sembra di andare a sbattere contro un muro, sono praticamente in tre a marcarmi. È dura perché non sempre riesco ad avere una buona visione del campo e senza quella le scelte non funzionano al meglio”. A difendere il suo operato in conferenza e Meyers Leonard, autore di 16 punti alla prima gara da titolare in carriera ai playoff: “Sono stanco di sentire le persone che dicono che Dame non ha fatto un passo in avanti, che non si è preso le sue responsabilità. No, sbagliato. È il nostro leader e un giocatore favoloso. Uno dei cinque migliori in tutta la Lega per il livello di rendimento che ha tenuto in questa stagione. Lo sappiamo bene e per questo continuiamo a lottare su ogni blocco, a eseguire al massimo delle nostre possibilità, consapevoli del fatto che a lui e McCollum basta un piccolo spiraglio per mandare a segno canestri pesanti”. Nella ripresa però Portland si è inceppata più del previsto, realizzando 33 punti complessivi negli ultimi 24 minuti. Davvero troppo poco per tenere testa ai bi-campioni in carica: “Il nostro attacco è crollato, abbiamo sbagliato un bel po’ di tiri e ne abbiamo presi di molto complicati. Non abbiamo mosso il pallone, né attaccato in transizione. Per battere Golden State devi dimostrare di saper segnare: farne soltanto 33 in un tempo ti condanna a prescindere dal rendimento degli avversari”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.