Please select your default edition
Your default site has been set

Coronavirus, tragedia per Sebastian Telfair: morti la madre e il fratello

coronavirus
©Getty

A distanza di meno di un mese, il talento newyorchese ed ex-giocatore NBA è stato costretto a dire addio a suo fratello Dan e a sua madre Erica a causa delle complicazioni del contagio da Covid-19: "Non so dove troverò la forza per affrontare tutto questo"

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI LIVE

New York è una delle città al mondo più colpite dalla pandemia da coronavirus e a farne le spese è stata anche parte della famiglia di uno dei giocatori più promettenti - almeno a livello giovanile - tra quelli cresciuti nella Grande Mela negli ultimi anni. Sebastian Telfair, giocatore NBA per un decennio e uscito dalla lega nel 2014 dopo un ultimo passaggio ai Thunder, è stato costretto a dire addio nel giro di meno di un mese a sua madre Erica e a suo fratello Dan; entrambi deceduti a causa del contagio da coronavirus. Le ragioni ufficiali della morte della donna di 64 anni non sono ancora state rese note, nonostante fosse ricoverata da settimane dopo aver contratto il Covid-19 e “dopo aver a lungo combattuto per restare in vita”. Lo stesso Telfair, oltre al suo fratello minore Ethan, hanno condiviso sui social delle foto ricordo della loro madre, sconvolti dall’ennesima brutta notizia di un periodo tragico come questo: “Riposa in pace mamma, fino a quando non ci incontreremo di nuovo angelo”. Messaggi di cordoglio che arrivano a poche settimane di distanza da quelli del 28 marzo scorso in cui erano stati costretti a salutare anche Dan Turner - il fratello maggiore di Sebastian, anche lui colpito dal virus; come confermato anche da Stephon Marbury, il cugino di Telfair che ha raccontato di essere molto vicino ai suoi familiari. Giocatore di pallacanestro (come tutti gli altri in casa), Dan era solito partecipare ai tornei a Coney Island facendo vanto della sua parentela con due dei migliori giocatori cresciuti a New York dell’ultimo periodo: “Oggi ho perso per sempre il mio fratellone e non riesco ancora a capacitarmene. Ti voglio bene, te ne vorrò per sempre e ancora non so come farò ad affrontare e superare tutto questo”; le parole di Telfair di un mese, a cui ora si aggiunge un altro enorme dolore in un momento complicatissimo per lui, per la sua città e per il mondo intero.

NBA: SCELTI PER TE