Please select your default edition
Your default site has been set

Coronavirus, la NBA valuta l’idea di ripartire da Disney World Resort a Orlando

coronavirus
©Getty

La lega sta immaginando vari possibili scenari di ripartenza: tra questi c’è anche l’ipotesi di sfruttare le strutture e l’indipendenza del parco giochi della Florida, dove far restare tutte le squadre per il tempo necessario a portare a termine la stagione

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

La NBA continua a lavorare nella speranza di poter tornare sul parquet nelle prossime settimane/mesi, non appena ci sarà l’opportunità di scendere in campo in sicurezza. Per questo la lega sta cercando di organizzare la conclusione della stagione immaginando il minor numero di spostamenti possibile e concentrando le squadre in un unico posto. Si era spesso parlato di Las Vegas nei giorni scorsi e adesso è venuto fuori un altro possibile luogo dal quale ripartire: Disney World Resort a Orlando, in Florida - il paradiso dei bambini e di tutti gli amanti dei cartoni animati. La notizia, riportata da Shams Charania di The Athletic e da Tim Reynolds di Associated Press, rientra nell’ottima di quella logica che più volte è stata definita “della bolla”: portare tutte le squadre nello stesso posto, farle soggiornare lì nello stesso sito per il tempo necessario, evitando esposizione con l’esterno e ogni tipo di spostamento. Dopo Las Vegas e Los Angeles quindi, questo potrebbe essere un altro posto da sfruttare, in cui non manca la disponibilità di hotel e di strutture in grado di rispondere a tutte le esigenze dei giocatori e degli addetti ai lavori. Una distesa immensa, isolata dal resto della città, in cui poter creare un vero e proprio ecosistema indipendente dall’esterno. Nell’area sono presenti tre arene che permetterebbero di giocare in contemporanea, oltre a tante strutture d’allenamento in cui far alternare gli atleti e le squadre. Diverse reti televisive inoltre sono già equipaggiate per rendere disponibili le dirette e trasmettere le sfide senza grossi problemi, potendo quindi garantire eventualmente supporto logistico. insomma, qualora si dovesse riuscire a ripartire, Disney World potrebbe essere la soluzione migliore.

Robin Lopez prenota già il suo hotel via social: "Bucks a quello polinesiano"

E c’è già chi ha iniziato a pensare a come potrebbe essere un futuro NBA a Disney World, come Robin Lopez - patito di cartoni animati e in particolare del parco attrazioni della Florida, dove spesso fa una toccata e fuga insieme a suo fratello Brook. Entrambi adesso giocano a Milwaukee, per quello metterli d’accordo, nel caso, sarà ancora più semplice. Stando al tweet dell’ex giocatore di Blazers e Knicks, l’importante sarà non deluderli: “Se la NBA tornerà in campo portando le squadre a Disny World, dove risiederanno i vari roster? Se i Bucks non dovessero alloggiare al resort ispirato alla Polinesia ci saranno dei problemi…”, scherza prenotando già il posto. A guardare le palme e la fedele ricostruzione delle spiagge dorate dell’isola irraggiungibile causa coronavirus in questi mesi, difficile dargli torno: ottima scelta Robin!

 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche