Please select your default edition
Your default site has been set

Mercato NBA, Bradley Beal e l’affare sfumato con i Thunder nel 2012

mercato nba
©Getty

Il n°3 degli Wizards ha raccontato della serata del Draft 2012, dell’interessamento dei Thunder nei suoi confronti e di uno scambio (quasi completato) che lo avrebbe portato a Oklahoma City al fianco di Kevin Durant e Russell Westbrook al posto di James Harden

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI LIVE

Le speculazioni attorno a una sua possibile cessione ormai lo lasciano indifferente, visto che da anni si associa il suo nome a qualsiasi tipo di trattativa. L’ultima, in ordine di tempo, è quella che proietterebbe Bradley Beal ai Brooklyn Nets al fianco di Kyrie Irving e Kevin Durant. Compagni di squadra di primissimo livello, senza tenere conto che con KD avrebbe potuto condividere il parquet sin dal suo primo giorno nella lega. È questo uno dei tanti aneddoti venuti fuori durante la puntata del podcast “All The Smoke” a cui il n°3 degli Wizards ha partecipato come ospite, spiegando che la notte del Draft è stata a lungo vagliata l’ipotesi di uno scambio con i Thunder che avrebbe coinvolto anche James Harden. In quel 2012 infatti era lui uno dei principali talenti a fare ingresso tra i professionisti e per riuscire a portalo in Oklahoma, Sam Presti avrebbe fatto carte false: “Eravamo seduti nella sala riservata ai potenziali giocatori da lottery - racconta il diretto interessato, selezionato come terza scelta assoluta - Il mio agente mi aveva detto sicuro: “È probabile che tu vada a giocare a Oklahoma City”, e io gli risposi: “Come diavolo è possibile una cosa simile? Non ho neanche fatto il workout con OKC…”. Prima del Draft infatti avevo avuto sessioni individuali soltanto con Washington, Cleveland e Charlotte [ossia le squadre che avrebbero chiamato rispettivamente come seconda, terza e quarta, mentre New Orleans era decisa a puntare su Anthony Davis con la prima scelta, ndr]. L’idea era quella di scambiarmi con Harden - che sarebbe passato agli Wizards. Io invece avrei fatto compagnia a Westbrook e Durant ai Thunder”. Un passaggio cruciale non solo nella sua carriera, ma che ha segnato la storia anche di almeno un paio di franchigie. Harden alla fine è andato ai Rockets nell’ottobre 2012 in cambio di Kevin Martin, Jeremy Lamb e due scelte al primo giro. Asset che non si sono rivelati minimamente efficaci come sarebbe potuto essere Beal.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche