Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Gallinari: un finale amaro per una stagione comunque positiva. E ora va sul mercato

NBA
©Getty

Una brutta gara-7 e una gara-5 ancora peggiore non devono far dimenticare una stagione vissuta da protagonista a OKC, oltre le aspettative di tutti. Ma ora Gallinari si presenta sul mercato da free agent: OKC ha già un'idea per trattenerlo, Miami potrebbe farsi di nuovo sotto, ma non mancano altre ipotesi. Il bilancio della stagione del n°8 dei Thunder

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

È facile — ma anche sbagliato — farsi condizionare nei giudizi dai ricordi più freschi. E l’ultimo ricordo della stagione 2019-20 di Danilo Gallinari non è certo positivo: in gara-7 della serie contro Houston l’azzurro resta in campo 27 minuti ma si prende soltanto sei tiri, finendo per segnare 4 punti e sbagliando tutto sia da tre punti (0/3) che nell’unico libero tentato (nel finale, per un fallo tecnico). Cifre sinistramente simili a quelle di gara-5 soltanto un punto con 0/5 al tiro e 4 palle perse — anche questa “bucata” pesantemente dal n°8 di coach Donovan, anch'esso responsabile nel non aver saputo mettere più al centro del suo attacco tutto il talento dell’ala italiana. Nella stessa serie di primo turno contro i Rockets, però, vanno registrati anche i 25 punti di gara-6 e i 29 — suo massimo ai playoff eguagliato — della prima sfida, apparente prologo di grandi cose a venire. Alla fine le sette gare di questo primo turno Gallinari le chiude con 15 punti a partita con il 40.5% al tiro e il 32.4% da tre (tutti dati inferiori alle medie stagionali di 18.7 punti con quasi il 44% dal campo e oltre il 40% dall’arco).

leggi anche

Gallinari: "Playoff? Non ci accontentiamo"

Una stagione — la sua prima a Oklahoma City — sicuramente positiva sia dal punto di vista personale che di squadra, con un gruppo che si pensava destinato a distruggersi alla trade deadline (Gallinari e Chris Paul i principali indiziati a lasciare l’Oklahoma) e che invece ha costruito una chimica di squadra capace di portare OKC a pochi secondi da una clamoroso sorpresa ai playoff, l’eliminazione dei Rockets di Harden&Westbrook.

Le opzioni sul mercato o un biennale a OKC

vedi anche

Gallinari, massimo in carriera ai playoff. VIDEO

Gallinari — free agent in estate — affronta quindi una offseason che lo vedrà sicuramente protagonista sul mercato. Miami aveva già dimostrato tutto il proprio interesse per l’azzurro a febbraio, ma la reticenza di Pat Riley a impegnarsi contrattualmente oltre l’estate 2021 (per mantenere spazio salariale per il sogno Antetokounmpo) aveva fatto abortire lo scambio. Secondo ESPN Oklahoma City — con 25 milioni di dollari ancora da spendere prima di incorrere nella tassa di lusso — potrebbero proporgli un accordo biennale per 32 milioni di dollari (con una prima stagione a 15.4). Per Gallinari si tratterebbe di una decurtazione rispetto ai quasi 22 milioni di dollari annuali incassati nel triennale da 65 complessivi firmato al momento del sign-and-trade tra Nuggets e Clippers, ma anche di un contratto di tutto rispetto per un giocatore che ha già compiuto 32 anni e che arriverà 34enne al termine dell’accordo. Da valutare anche il suo storico a livello di infortuni: se le 10 gare saltate quest’anno sono il numero più basso dalla stagione 2009-10, nel suo curriculum c’è un’intera stagione vissuta da spettatore per l’infortunio al crociato (2013-14) e una prima annata ai Clippers nel 2017-18 con solo 21 gare disputate su un totale di 82.

Le caratteristiche del giocatore e le possibili destinazioni

approfondimento

I Timberwolves interessati a Danilo Gallinari

Non è un mistero, dopo 11 stagioni di NBA, quello che l’azzurro può portare in dote: il suo tiro da fuori è l’asset principale (ultimi due anni sopra il 40% da tre punti), in attacco sa far male (terzo tra le ali grandi per plus/minus reale offensivo) ma ancora più ammiratori ha la sua efficienza offensiva, che quest’anno lo ha visto secondo soltanto a TJ Warren per punti prodotti a possesso (1,142) e che lo ha visto tirare con una percentuale effettiva del 61.2% (Gallinari segna quasi 19 punti a partita con poco più di 13 tiri a sera). Non chiede troppi tiri — pregio che con lui diventa quasi un problema, perché un’arma offensiva del suo calibro a volte dovrebbe essere più assertivo coi suoi compagni, per il bene della squadra (come successo anche nella serie contro Houston) — e potrebbe funzionare alla meraviglia come secondo/terzo violino di una squadra che punta al titolo. Miami potrebbe ritornare all’assalto (se i Bucks blindassero già quest’estate Antetokounmpo), mentre le altre 4 squadre con spazio salariale a disposizione sono gli Atlanta Hawks, gli Charlotte Hornets, i Detroit Pistons e i New York Knicks, che già lo hanno conosciuto — tutte realtà che non assicurerebbero a Gallinari di disputare ad alto livello l’ultima parte della sua carriera NBA. E con una carriera di altissimo livello, ma un palmares (in NBA o in nazionale) ancora vuoto, la volontà del "Gallo" potrebbe essere quella di giocarsi altrove le ultime chance di anello. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche