Tennis, Andy Murray: "Non ho più dolore all'anca, voglio continuare a giocare"

Tennis

A cinque settimane dal secondo intervento all'anca, lo scozzese fa il punto della situazione: "Sono felice, il dolore è passato. Proverò a tornare in campo, ma non so se sarà possibile e a che livello. Wimbledon 2019? Meno del 50% di possibilità che possa giocare"

MURRAY IN LACRIME: "MI RITIRO"

MURRAY, LE VITTORIE PIU' IMPORTANTI: FOTO

Andy Murray vuole tornare a giocare. A cinque settimane dal secondo intervento all'anca, dopo quello di 13 mesi fa a Melbourne, il tre volte campione di uno Slam ha parlato con la stampa per la prima volta a margine di un evento legato a una nuova sponsorizzazione. Il 31enne scozzese, che aveva etichettato la spettacolare sconfitta in 5 set al primo turno degli Australian Open 2019 contro Bautista Agut come "probabile ultima partita della carriera", ci ha ripensato. "Non ho più dolore all'anca e sono felice - ha spiegato Andy -. La riabilitazione è lenta ma sta procedendo bene. Io voglio continuare a giocare, come ho detto anche in Australia. Il punto è che non so se questo sarà possibile. In questo momento sono felice di non provare più dolore dopo 20 mesi di calvario e non sento la pressione di dover tornare a giocare: devo solo aspettare e vedere come va". In molti sperano di rivederlo a luglio a Wimbledon, torneo che in carriera ha già vinto due volte: "Al momento le possibilità che partecipi al prossimo The Championships sono meno del 50% - ha spiegato -. Dopo l'intervento non mi è consentito alcun movimento brusco per almeno quattro mesi. Solo dopo potrò capire se sarò in grado di competere e a quale livello. Credo che tornare tra i Top 10 sarà improbabile, ma invece è possibile stare nei 50 o 100 del ranking. Se riuscirò a tornare sarò felice, altrimenti farò altro. Cosa? Commentatore, allenatore e in più ho investito molto in questi anni e potrò seguire i miei progetti".

Il precedente di Bob Bryan

Nessun tennista professionista è mai tornato a competere in singolare dopo un'operazione chirurgica di questo tipo, ma c'è un precedente che fa sperare Murray e i suoi tifosi: Bob Bryan, fenomeno del doppio, è stato sottoposto al medesimo intervento ed è tornato a giocare dopo cinque mesi con il gemello Mike. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche