Australian Open, Sinner agli ottavi: battuto Fucsovics in 5 set

australian open
©Ansa

Vittoria in rimonta per Sinner che perde i primi due set contro l'ungherese, n. 78 ATP, ma poi ribalta il risultato in scioltezza. L'azzurro raggiunge per la sesta volta consecutiva il quarto turno di uno Slam: ad attenderlo c'è Tsitsipas

AUSTRALIAN OPEN, I RISULTATI DI OGGI

Con il brivido Jannik Sinner raggiunge gli ottavi di finale degli Australian Open. Per la prima volta, infatti, l'altoatesino è riuscito a vincere un match con due set di svantaggio. Lo ha fatto sulla Margaret Court Arena contro Marton Fucsovics, n. 78 al mondo: 4-6, 4-6, 6-1, 6-2, 6-0 il punteggio finale in 3 ore e 36 minuti di gioco. Una partita dal doppio volto per Sinner: malissimo nei primi due parziali (31 gratuiti per l'azzurro), in crescita nei tre set successivi. Fucsovics, che ha avuto palle break anche all'inizio del terzo set, cala alla distanza, concedendo il fianco all'italiano che chiude in scioltezza. Per Sinner è la sesta qualificazione consecutiva agli ottavi di finale di uno Slam, l'ottava in tredici partecipazioni. 

"Primi due set duri, poi la mia tattica ha funzionato"

leggi anche

Sinner come Barazzutti: 29 vittorie in uno Slam

Dopo l'inizio da incubo, Sinner è riuscito a recuperare il match con degli accorgimenti a livello tattico: "I primi due set sono stati durissimi - spiega - ho dovuto cambiare qualcosa, ero impreciso nelle chiusure anche se sentivo bene la palla. Abbiamo fatto tanto lavoro fisico nella off season e sono riuscito a reggere bene fino alla fine. Fucsovics lo conosco bene, ci alleniamo spesso insieme. Sono contento che la mia tattica abbia funzionato".

La rivincita con Tsitsipas

leggi anche

Super Murray, batte Kokkinakis dopo quasi sei ore

Negli ottavi di finale, Sinner troverà di fronte a sé Stefanos Tsitsipas che ha battuto senza difficoltà l'olandese Griekspoor in tre set. Sarà la rivincita del quarto di finale dello scorso anno, vinto dal n. 4 al mondo in scioltezza. L'occasione di riscattarsi per Sinner ed eguagliare il miglior risultato in carriera a Melbourne.