Caricamento in corso...
15 marzo 2017

Formula 1: Mercedes, l’arroganza del più forte

print-icon
SUT

Mercedes Barcellona test 2017 (foto: Sutton Images)

La scuderia tedesca resta la favorita per il Mondiale, nonostante si siano volutamente “nascosti” in termini di prestazioni durante i test invernali. Hanno curato in maniera maniacale i dettagli su una monoposto già super. Per conferme attendere Melbourne, primo vero banco di prova.

di Carlo Vanzini

Mercedes: Voto 7

Hanno girato lasciando spesso la macchina in bella vista mentre gli altri nascondevano a tempo di record le monoposto, hanno sviluppato soluzioni tecniche che sembrano quegli optional “inutili” che però vuoi a tutti i costi quando gli altri si devono accontentare di avere 4 ruote. Insomma tutto fa pensare che si sentano ben più forti di quanto mostrato in pista e di certo non ci sviano le dichiarazioni di Lauda e Hamilton: "sarà la Ferrari la scuderia da battere in Australia". Siamo sicuri che ridevano dentro mentre lo dicevano, sta alla Ferrari farglielo ridire in vista del secondo gran premio della stagione in Cina.

Sono forti, non imbattibili, almeno sembra, ma perché, forse, hanno esagerato. In che senso? Nel senso che invece di perfezionare una monoposto già super, sono andati oltre. Nessuno con il passo così lungo come loro e nessuno con attacchi dei braccetti, alette e pinna così sofisticate da avere probabilmente bisogno della sala di controllo della NASA per far funzionare tutto alla perfezione. E’ questo il rischio, aver fatto talmente tanto di fino che poi per far funzionare tutto serve una messa a punto maniacale e se è vero che quello che faceva il set up era Rosberg... Dai, ci crediamo che l’invincibile armata sia diventata umana, per il bene dello spettacolo, ma sentiamo tanto puzza di presa in giro.

A Melbourne la prima sentenza.

Tutti i siti Sky