Juventus-Atalanta, Allegri: "Dybala titolare, Bernardeschi e Chiellini a disposizione"

juventus

L'allenatore bianconero alla vigilia del match contro l'Atalanta: "Dybala è in buone condizioni, partirà dall’inizio. Bernardeschi e Chiellini sono a disposizione, mentre Ramsey ha un problema al flessore. Anche De Sciglio è out, rientra martedì. Sarà una partita importante, ma non decisiva. A Londra abbiamo fatto una brutta figura, ci siamo sciolti dopo il secondo gol, ma la gara importante era quella vinta a Roma contro la Lazio"

JUVE-ATALANTA LIVE  -  CASO PLUSVALENZE, NEWS LIVE - PROBABILI FORMAZIONI

Dimenticare Londra e continuare la rincorsa in campionato. È la strada tracciata da Massimiliano Allegri alla vigilia del match contro l'Atalanta. Una sfida importante per la Juventus che vuole proseguire la striscia di due vittorie consecutive in Serie A. Per riuscirci dovrà fare i conti con la squadra che ha conquistato più punti nelle ultime 5 giornate insieme a Verona e Inter. "All'Atalanta vanno fatti complimenti perché sono anni che ottengono risultati importanti - spiega Allegri in conferenza stampa - Sarebbe bello se tutte le squadre italiane passassero agli ottavi di Champions. Dobbiamo fare una partita di grande rispetto. L'Atalanta è una squadra fisica, che segna molto, ma concede. Dovremo essere bravi sia in fase realizzativa che in fase difensiva. È una partita importante, ma non decisiva. Quelle decisive saranno le sei che mancano da qui alla fine del girone d'andata". La buona notizia per Allegri riguarda la condizioni dei singoli tornati a disposizione: "Dybala partirà dall'inizio, è in una buona condizione - spiega l'allenatore - Chiellini e Bernardeschi hanno lavorato con la squadra e saranno disponibili. De Sciglio rientrerà martedì, mentre Ramsey è ancora fuori a causa del problema al flessore che ha avuto al rientro dalla Nazionale. Kulusevski sta un po' meglio, anche giovedì aveva questo fastidio. Vedremo come sta, ma a Roma ha fatto una buona partita. Non so se Arthur giocherà, ma sono contento di lui perché è un professionista serio e quando viene chiamato in causa risponde sempre presente".

"Contro il Chelsea una brutta figura che non va bene"

champions

Del Piero: "Batosta Juve, netto passo indietro con il Chelsea"

Per i bianconeri, tuttavia, resta viva la "ferita" di Champions, con il pesante ko subito contro il Chelsea: "Dispiace aver perso 4-0, siamo la Juventus e fare queste brutte figure non va bene - racconta Allegri  - Tuttavia la partita che dovevamo vincere era quella dell'andata, a Torino. A Londra abbiamo giocato un buon primo tempo, ma dopo il secondo gol ci siamo sciolti e questo non doveva accadere. Abbiamo raggiunto gli ottavi in Champions, adesso abbiamo davanti un mese importante per rimanere attaccati in campionato e rosicchiare qualche punto. Questa squadra ha ottime qualità, serve un percorso di crescita generale per migliorare il rendimento e i risultati in tutte le competizioni. In questo momento la cosa negativa è che siamo in ritardo di punti in campionato, ma non possiamo cambiarlo. Dobbiamo pensare a fare: a marzo bisogna arrivare in ottime condizioni, lì sarà completamente un'altra stagione".

"Pellegrini sta crescendo, non so se giocherà lui o Alex Sandro"

Uno dei dubbi di formazione di Allegri riguarda il terzino sinistro. Contro l'Atalanta, infatti, potrebbe trovare spazio Pellegrini dal 1': "Pellegrini sta crescendo, non ho deciso se giocherà lui o Alex Sandro - spiega - Ci sono calciatori che hanno giocato tante partite, avere dietro dei giovani in una buona condizione è un vantaggio. Sabato deciderò. Alex Sandro a Londra non ha fatto una brutta partita".

"Ci stiamo impegnando per migliorare la classifica"

highlights

Il Chelsea è super, Juve ko 4-0 a Stamford Bridge

Allegri, infine, si è soffermato sul percorso di crescita intrapreso dalla Juventus dal suo ritorno in bianconero: "Quando il presidente mi ha chiesto di tornare, mi ha chiesto che la Juve torni un club sostenibile e che faccia risultati. Noi facciamo il possibile perché accada, vedremo quanto tempo ci vorrà. Il campionato è tornato equilibrata, la squadra ha bisogno di lavorare e serve pazienza. I ragazzi si stanno impegnando per migliorare la classifica, quello che ci penalizza è la differenza reti che è un dato inconfutabile. I gol nelle gambe li abbiamo, ma in questo momento ne abbiamo fatti di meno. Il calcio è cambiato, ma c'è una cosa che non cambia: la differenza reti è quella che fa vincere i campionati".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche