Serie B, taglio stipendi calciatori: Lega propone nessuna retribuzione durante inattività

Serie B

Niente stipendi ai calciatori durante il periodo di inattività: è questa la proposta approvata all'unanimità dalla Lega B. I club adesso dovranno trattare con i propri tesserati. In caso di ripresa del campionato, si valuterà la decurtazione salariale in base al danno economico subito dalle società

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

L'assemblea della Lega di Serie B ha deliberato all’unanimità una comune linea di indirizzo per contenere l’importo rappresentato dagli emolumenti a calciatori, allenatori e tesserati che ora i singoli club dovranno negoziare singolarmente con i propri tesserati. Dall’assemblea emerge la richiesta ai calciatori di rinunciare alla retribuzione durante il periodo di inattività: una proposta che ha messo d’accordo tutti i 20 club di B, che adesso però dovranno trattare per raggiungere un accordo con i loro tesserati. In caso di ripresa del campionato, invece,  si valuterà il danno economico subito dai club e in base a questo fattore  si deciderà l’ammontare della riduazione salariale per i tesserati.

Il Comunicato della Lega B

"Assemblea di Lega B, convocata formalmente in videoconferenza. All’ordine del giorno, ovviamente, l’emergenza Coronavirus e le gravi conseguenze che la pandemia sta provocando ai club della Serie BKT e alle aziende proprietarie. Dopo un’introduzione nella quale il presidente Mauro Balata ha illustrato i possibili scenari sulla prosecuzione del campionato ipotizzati in Figc, che l’Assemblea Lega B auspica possa verificarsi, e illustrato il documento sul danno economico della categoria presentato in Federazione nei giorni scorsi, si è passati alla valutazione dei rapporti contrattuali con i tesserati per i quali la Lega, all’unanimità, ha deliberato una comune linea di indirizzo per contenere l’importo rappresentato dagli emolumenti dei tesserati, che si tradurrà nella:

 

1) mancata corresponsione della retribuzione annua lorda omnicomprensiva (anche riguardo alla parte premiale e di incentivo all'esodo) corrispondente al periodo di inattività;

 

2) valutazione, in caso invece di ripresa dell’attività sportiva relativa al campionato corrente, dell'impatto economico negativo derivante dalla gravissima contingente vicenda epidemiologica per determinare l'ammontare della riduzione di quanto dovuto dalla data di effettiva ripresa della competizione sino alla sua conclusione;

 

3) in funzione dell'attuale situazione di crisi, le società hanno inoltre manifestato l'esigenza di procedere ad una profonda revisione dei costi, anche in ottica prospettica.

 

Il tutto sempre nell’ambito dell’autonomia di trattativa e di accordo che le Società hanno con i propri tesserati.

"Misure necessarie per la sopravvivenza del sistema calcio"

Il comunicato diramato dalla Lega B poi prosegue: "Le iniziative sono state prese per porre un argine alle gravi conseguenze che questa emergenza certamente comporterà nel futuro al fine di preservare la sopravvivenza del sistema calcistico a tutela dei posti di lavoro, attesa la gravità della crisi che mina la stessa sopravvivenza di tutte le imprese legate al mondo del calcio. Inoltre, in funzione della evoluzione della situazione di mercato determinata dalla dimensione e dalla profondità dell’attuale crisi, la Lega di Serie B ha deliberato di promuovere una rivisitazione delle relazioni intercorrenti con le altre leghe e con la Federazione oltre che dei rapporti con le altre associazioni rappresentate in Consiglio Federale, nell’intento di stabilizzare il movimento dal punto di vista della sua sostenibilità economica".

"Volontà di condividere iniziative con la Serie A"

Tra le idee emerse nell’Assemblea anche quella di condividere iniziative con la Lega Serie A: "Sempre i Club, all’unanimità, hanno dato mandato al Presidente Balata di ribadire al tavolo federale la necessità di una rivisitazione dei parametri e l’attivazione di quegli strumenti che sono necessari per la stabilizzazione del sistema, temi peraltro già avanzati in Federazione nelle scorse settimane dallo stesso presidente della Lega B. Nel confermare la necessità, condivisa da tutti i club, di attenersi rigorosamente alle disposizioni del Governo e della comunità scientifica che lo supporta per la ripresa dell’attività, l’Assemblea è stata informata anche delle attività in corso in Consiglio federale e, inoltre, dell’intenzione di aprire un confronto con la Lega Serie A allo scopo di verificare la possibilità di condividere iniziative, anche di natura solidaristica tra le due leghe, da adottare in questo momento di crisi", conclude la nota.

SERIE B: SCELTI PER TE