Totti su Dybala alla Roma: "Lo incontrerò lunedì e ci proverò". VIDEO

LE PAROLE

In esclusiva a Sky Sport ha parlato Francesco Totti, ex capitano e bandiera della Roma: "Mourinho è l'allenatore giusto, speriamo che possa portare a casa la Conference League". Poi sul mercato: "Dybala? Speriamo di portarlo alla Roma. Lo incontrerò lunedì nella partita di Eto'o e proverò a convincerlo. Ma non sono cosa pensino lui e la Roma". E su un suo ritorno in giallorosso aggiunge: "I matrimoni si fanno in due"

TORINO-ROMA LIVE

Ad un evento di Padel a Pescara - in cui era presente anche il CT azzurro Roberto Mancini - l'ex capitano e bandiera della Roma Francesco Totti ha parlato in esclusiva a Sky Sport. Ecco le sue parole nell'intervista a Vanessa Leonardi.

leggi anche

Finale Conference League, la Roma apre l'Olimpico ai tifosi

Come si gestiscono queste due partite? È difficile pensare al Torino quando poi c’è una finale di Conference League?

"Diciamo che sono due partite totalmente diverse, ma entrambe sono importanti, perché ti giochi l'Europa.  Stasera (Torino-Roma, fischio d'inizio ore 20.45) la Roma se vince va in Europa, però sappiamo tutti che tra qualche giorno c’è una finale importantissima e ti giochi sempre un trofeo. Quando giochi una finale, devi fare il massimo per cercare di portare a casa il risultato".

 

Mourinho è l'allenatore migliore per gestire queste due partite? Lui qualcosa ha vinto e ricordava di come doveva giocare la finale di Champions League e si giocava lo scudetto a Siena. È l'allenatore migliore in questo senso?

"È l'allenatore che ha vinto piu trofei al mondo, quindi chi meglio di lui sa cosa significhi questa finale? Sicuramente non ha la stessa risonanza di una finale di Champions League, però è sempre una finale e una competizione europea. Va rispettata e va vinta. Il mister saprà sicuramente gestire la squadra e il momento". 

 

Ti vediamo spesso allo stadio. Uno stadio così lo ricordavi?

"Sinceramente non me lo ricordavo. Da quando c’è questa iniziativa bellissima, la Roma ha preso un'altra strada. Sappiamo tutti che la spinta dei tifosi della Roma è diversa da tutti gli altri. Loro come dodicesimo ti danno forza, carica e una voglia in più per riportare in alto i colori della Roma".

 

Ricordo che tu avevi speso belle parole per Lorenzo Pellegrini. Nessuno meglio di te sa cosa significhi essere il capitano della Roma, romano e romanista. Lui ha vissuto dei momenti difficili. Sei convinto che sia il capitano giusto?

"Anche io ho avuto dei momenti difficili, tutti gli abbiamo avuti. Ho sempre detto che come figura, giocatore e personaggio, è una persona che ha carisma, esplosività e 'romanismo'. Tutto quello che possiede è cio che deve avere un capitano. Roma deve essere contenta che, dopo me e daniele (De Rossi, ndr) sia arrivato un altro capitano di questa importanza e bellezza".

 

 

leggi anche

Kokcu: "Totti? Bello lavorare con una leggenda"

Tornerai mai alla Roma? C’è questa possibilità? Ti piacerebbe?

"A chi non piacerebbe essere nella Roma? Ci sono state problematiche, ma adesso c’è una proprietà nuova con altre idee ed esigenze, però i matrimoni si fanno sempre in due".

 

Non ti hanno chiamato?

"Hanno già persone importanti nella società, e questo è un bene per la Roma. Chi c’è, c’è…".

 

Sei anche un procuratore. Che talento è Kokcu (calciatore del Feyenoord, ndr). Volevi portarlo in Italia?

"Volevo portarlo alla Roma (ride, ndr), però non erano così propensi. È un giocatore importante, speriamo che contro la Roma non sarà il giocatore che conosco io".

 

È un centrocampista offensivo, tecnico e può giocare e come trequartista. Un Francesco Totti?

"No (ride, ndr). Ancora no. È un giocatorè che crescerà e lo vedremo in grandi squadre europee". 

 

Sarai allo stadio a Tirana per Roma-Feyenoord? Come finirà?

"Per scaramanzia non dico niente, però spero di poterla vincere e portare a casa il trofeo. Si ci sarò, se trovo il volo, penso di sì (ride, ndr)". 

 

Mancano novanta minuti decisivi in Serie A. Come vedi la corsa scudetto tra Milan e Inter?

"Adesso è tutto nelle mani del Milan, difficilmente i rossoneri si faranno sfuggire questa grande possibilità. Poche settimane fa, avevo detto che l’Inter era favorita, poi dopo il passo falso di Bologna è cambiato veramente tutto. Vediamo se il Milan saprà sfruttare l'occasione".

 

Hai vissuto un addio molto difficile. L'altra sera abbiamo assistito alla serenità di Chiellini. È vero che non dovrebbe lasciare il calcio... Ti hanno stupito le lacrime di Dybala?

"Gli addii di Chiellini e Dybala sono due cose diverse. Chiellini è stato un monumento e una bandiera. È un ragazzo piu introverso e freddo, anche perchè ha un'altra possibilità di continuare a giocare. Dybala? Quello che ha fatto vedere è la dimostrazione che lui volesse rimanere a Torino. Sicuramente non hanno trovato l’accordo giusto. Ora vediamo un po' se riusciremo a portarlo alla Roma. Lunedi ci incontriamo e gli diro tante cose…".

 

Incontrerai Paulo Dybala?

"Saremo a Milano per la partita di Eto’o (Integration Heroes Match, ndr) e giochiamo insieme, perciò qualche consiglio potrò darglielo. Speriamo di riuscirci dai. Sempre se la Roma…sarebbe una pazzia se dicessimo che non piacerebbe a nessuno. Non so cosa pensino lui e la Roma. Sarebbe il sogno di Totti e di tutti i romanisti… sono sempre il capitano dei romanisti".