Coronavirus, team incontrano i vertici della Formula 1 in vista dei primi GP del Mondiale

Formula 1

Chase Carey, presidente della F1, a Barcellona per parlare con i team anche dell'emergenza coronavirus e dei problemi logistici che potrebbero esserci in vista delle prime gare del Mondiale. Situazione monitorata costantemente, ma per ora la Formula 1 non valuta la situazione critica sia per l'Australia che per il Bahrain

CORONAVIRUS, LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

In Formula 1 si discute sulle conseguenze che il coronavirus e le limitazioni che potrebbero essere poste dai singoli paesi per gli ingressi, avrebbero sull’inizio della stagione. Fari puntati sul GP d’esordio in Australia, con Chase Carey, presidente della F1, arrivato a Barcellona negli ultimi giorni di test. Casey, la cui presenza era prevista in Catalogna al di là del tema COVID-19, ha fatto un giro tra le varie hospitality e parlato con le squadre di diversi argomenti e tra questi anche dell’emergenza coronavirus. In generale tra le scuderie non c’è apprensione, o almeno non c’è per ora dato che l’Australia non ha chiuso l’ingresso agli italiani per i focolai che si sono sviluppati nell’ultima settimana né imposto restrizioni tali da pensare che qualcuno non possa entrare. Per il Bahrain, invece, come già fatto per la F2 e la F3, ci si sta muovendo al fine di garantire che il personale della Formula 1 non abbia problemi. Stessa procedura prevista per il Vietnam, dove per il momento gli italiani sono nella “lista” di persone che non possono accedere nel Paese. Quindi la situazione è momentaneamente sotto controllo e il Circus si sta organizzando per partire alla volta dell’Australia come da programma. Ovviamente i team sono in costante contatto con Liberty Media e la FIA che monitorano costantemente situazione. Ciò premesso, analizziamo nel dettaglio la situazione per i GP d'Australia e del Bahrain.

GP Australia

Se non ci saranno ulteriori provvedimenti prima del GP,  i cittadini provenienti dai paesi ritenuti a rischio coronavirus (tra cui l’Italia) dovranno rispettare una procedura per ottenere l’ingresso dallo stato di Victoria. In aeroporto ci saranno controlli sanitari (tampone compreso). I passeggeri dovranno attendere l’esito degli esami, circa quattro ore, in un’area appositamente predisposta in aeroporto e se risulteranno negativi otterranno il regolare accesso.

GP Bahrain

situazione simile anche in Bahrain. I provenienti da aree a rischio saranno accolti da personale dedicato e sottoposti a controlli in aree dedicate all'arrivo. Se un passeggero presenterà sintomi influenzali (febbre) sarà trasferito in un’ulteriore area apposita per esami più approfonditi; in caso di positività al coronavirus saranno posti in quarantena in un ospedale predisposto nella capitale Manama.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche