Sainz: "Voglio aiutare la Ferrari a tornare in alto. Ai tifosi chiedo pazienza"

Formula 1

Il pilota spagnolo nel giorno della presentazione del team: "Arrivare qui a 26 anni è qualcosa per cui ho sempre lottato. Voglio aiutare la squadra a tornare ad alti livelli e dobbiamo spingere tutti dalla stessa parte. Sarà difficile battere Leclerc, ma la cosa che più conta è far andare bene la Ferrari". E in diretta a Sky Spiort24: "Chiedo ai tifosi di starci accanto"

FERRARI SF21, LA PRESENTAZIONE IN LIVE STREAMING

"Arrivare a 26 anni a questo traguardo è qualcosa per cui ho sempre lottato". Ed è pronto a lottare con ancora più impegnolo spagnolo Carlos Sainz, nuovo volto della Ferrari e che ovviamente è stato tra i protagonisti del video con cui la Scuderia di Maranello ha presentato la squadra per il Mondiale 2021.

La passione e la responsabilità 

leggi anche

Ferrari, presentato il team: le parole e i VIDEO

"E' un team che ha genera passione - ha spiegato Sainz - abbiamo una responsabilità. Voglio aiutare il team a tornare ad alti livelli. Dobbiamo spingere tutti dalla stessa parte. C'è rispetto e competititvità con Charles".

Leclerc e l'obiettivo principale

leggi anche

Leclerc: "Speriamo di aver smesso di soffrire"

"Non mi sono mai dovuto allenare sulla concentrazione - ha aggiunto il pilota di Madrid - dipende molto anche dalla preparazione fisica. Sono sereno, non dimostro di essere nervoso. Sarà molto difficile battere Charles, ma ci proverò. Sarebbe il massimo, la cosa più importante è quella di far andare bene la Ferrari. Quest'anno sarà importante, poi ne riparleremo quando ci sarà da lottare per il Mondiale".

Superare ogni rivalità e il rispetto per la squadta

"Riusciremo a superare ogni rivalità, ho grande rispetto per la squadra. Incidenti come quelli di Grosjean ci fanno pensare, ci giochiamo la vita ma serve grande rispetto. I test di Fiorano mi hanno colpito, ero nervoso e sapevo che era una giornata speciale. I tifosi? Sono speciali".

La prima volta a Maranello

leggi anche

Binotto: "No rivalità interne, conta solo Ferrari"

"Nel momento in cui metti la firma (sul contratto, ndr), realizzi che diventerai un pilota Ferrari e questo cambia la tua vita completamente. A dicembre ho passato i miei primi giorni in Ferrari, ho conosciuto tutte le persone della fabbrica, gli ingegneri, i meccanici con cui avrei lavorato. La prima volta che indossi la tuta rossa o che metti il cappellino, quello è il momento che non potrai mai dimenticare. Nemmeno a 90 anni".

Quando tutto ha avuto inizio

"La mia passione per le corse è iniziata molto presto. Motori e pneumatici sono stati sempre nella mia infanzia. A 2-3 anni ho visto per la prima volta un’auto e ci sono subito salito su. Mio padre è stato due volte campione di rally. A 10-11 anni, a Barcellona, ho incontrato Fernando Alonso e Michael Schumacher, mi sono subito innamorato della F1. Ed è diventato il mio obiettivo".

L'appello ai tifosi

"Sarei felice di vedere un progresso e un gap ridotto con la Mercedes - ha poi aggiunto in diretta a Sky Sport24 -. Non sappiamo quanto miglioreranno gli altri, ma essere più bravi come squadra per essere pronti nel 2022. Charles è molto artistico, anche nella musica: posso migliorare anche lì. Mi piace che gioca a padel, sono bravo anche io e potremo sfidarci o essere compagni di squadra. I tifosi mi hanno fatto sentire a casa dal primo giorno, anzi ancora prima da Monza. Devono avere pazienza, stiamo lavorando per tornare al top. Se continueranno a tifarci, noi avremo ancora più stimoli per arrivarci prima".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport