Mercedes, Hamilton 1° nel GP di Silverstone: "Verstappen non mi ha lasciato spazio"

mercedes
©Getty

Lewis Hamilton conquista Silverstone per l'ottava volta al termine di un GP cominciato con il contatto che è costato il ritiro di Verstappen e una penalità di 10'': "Max non mi ha lasciato spazio, ma il regolamento parla chiaro e la traiettoria in curva era la mia. Non alzerò il piede contro di lui. Ho incassato la penalità e continuato a lavorare, non mi aspettavo una Ferrari così veloce"

GP SILVERSTONE, HIGHLIGHTS - L'INCIDENTE DI VERSTAPPEN

Lewis Hamilton continua a riscrivere il libro dei record: ottava vittoria a Silverstone, la 99^ complessiva in carriera e la quarta nel 2021, che gli consentono di accorciare le distanze in classifica su Max Verstappen, fuori gioco dopo un giro a causa di un contatto con la Mercedes del britannico, penalizzato di 10'' ma capace di una grande rimonta su Leclerc, sorpassato nel finale. 

"Non mi aspettavo una Ferrari così veloce"

"Godermi la vittoria dopo quanto successo con Max? Assolutamente. Ho incassato la penalità – ha commentato Hamilton a Sky Sport – e dalle immagini, dal filmato che ho visto e da quello che ho provato all’interno dell’abitacolo, spero che tutti abbiano descritto per i fan l’incidente nel modo giusto. Le regole dicono che quando la tua ala anteriore è all’altezza della gomma posteriore della macchina davanti, la curva è sua. Se invece siete affiancati la curva è tua. E io ero affiancato. Quindi la curva era mia. Max ovviamente non voleva che lo sorpassassi ed ecco cosa è successo. Le corse sono le corse. Non sento alcuna ostilità però lui, ma deve sapere che anche se tutti alzano il piede quando si è in lotta con Max, io non sono fatto così. Io sono qui per lottare e non mi arrenderò tanto facilmente".

"Ho incassato la penalità e continuato a lavorare"

"E' davvero qualcosa di travolgente - ha detto Hamilton al termine della gara -. Meteo bellissimo, con il pubblico migliore del mondo. Il nostro pubblico è il migliore del mondo. Non avrei potuto fare tutto questo senza il lavoro straordinario di Valtteri e del team. Rimontare con la penalità? E’ dura. Io ho dato tutto in questo weekend. Sono andato in fabbrica cercando di estrarre quei decimi in più di prestazione. Sono fiero di tutti i ragazzi, continuano a lavorare anche se siamo indietro. Nell’approccio alla gara sapevo che dovevo fronteggiare un rivale aggressivo come Max. Oggi io mio sono affiancato a lui e non mi ha mai lasciato spazio. Ma al di là della penalità – che io sia d’accordo o meno – ho incassato il colpo e continuato a lavorare cercando di fare il mio lavoro e godermi il pubblico”. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche