Motogp, GP Aragon: Ducati, che numeri! Decisivo il gioco di scie: "Qui è fondamentale"

MotoGp
Jorge Lorenzo e Andrea Dovizioso (foto @Twitter)

Terza doppietta consecutiva in qualifica per il team di Borgo Panigale, a conferma del super momento di una moto che sembra aver trovato il miglior assetto. Risultati ottenuti anche grazie all'abilità dei due piloti: "Quando si rientra in pista in gruppo è sempre molto complicato..."

GP di Aragon in diretta esclusiva su Sky Sport MotoGP (canale 208). Gli orari delle gare: Moto3 alle 11, Moto2 alle 12:20, MotoGP alle 14, disponibili anche su Sky Sport Uno (canale 201)

I TEMPI

GUIDA TV - LA CLASSIFICA

Lorenzo e Dovizioso sono appena sfrecciati sul traguardo sotto la bandiera a scacchi e Davide Tardozzi, Team Manager della Ducati, non nasconde la sua soddisfazione: “Marc ha sempre dimostrato di avere qualcosa di più in questo circuito: per questo fare primo e secondo è straordinario, oltre che inaspettato”. Una qualifica che conferma la tendenza delle ultime gara: la Ducati è un osso duro con cui doversela vedere su qualsiasi pista, giunta ormai alla terza doppietta consecutiva firmata dai soliti Lorenzo e Dovizioso. Il segreto di questo super momento infatti sono soprattutto loro: il pilota spagnolo conferma la tradizione che vuole uno dei tanti padroni di casa in pole position. Per la casa di Borgo Panigale è la seconda ad Aragon, a otto anni di distanza dalla prima conquistata da Stoner nel 2010. Numeri che fanno sorridere anche Lorenzo, alla 43^ pole in top-class e alla 124^ prima fila in carriera (la 7^ soltanto quest’anno). “È stata una battaglia, ero preoccupato perché avevo 4-5 piloti davanti che potevano creare problemi nel mio ultimo tentativo. Per fortuna loro hanno spinto e io rallentando ho potuto liberare un po’ di spazio davanti a me: la gomma non era al 100% perché eravamo al terzo giro, ma abbiamo avuto giusto quel pizzico in più degli altri che è bastato per chiudere in pole”.

Dovizioso e il sorpasso su Bautista: "Sono riuscito a trovare il buco buono"

Quattordici millesimi dietro Lorenzo c'è Dovizioso, che si prende un secondo posto a suo modo da record: mai un pilota italiano era riuscito a qualificarsi così avanti ad Aragon in MotoGP. Per lui è la 31^ prima fila in carriera in top-class, la quinta in questa stagione. “Si poteva fare addirittura meglio e questo è uno dei motivi che mi rendono felice: soprattutto nelle Libere 4, abbiamo fatto un altro piccolo step e come passo gara siamo molto veloci. Poi bisognerà arrivare al termine di 23 giri in buone condizioni e questo lo scopriremo solo a fine gara. Siamo veloci e questo ti porta ad avere delle ottime sensazioni”. Marquez invece ha sfruttato male l’ultimo tentativo, rimanendo imbottigliato quando è rientrato in pista e non riuscendo a completare il suo secondo assalto alla pole: “Purtroppo quando entri tutti insieme è un disastro – sottolinea Dovizioso – non c’è nessuno che vuole stare davanti, anche perché sono pochi i piloti che possono tirare tutti gli altri. Se quelli in testa rallentano, lo fanno tutti. Era molto complicato e io sono riuscito a trovare un buco buono: purtroppo Alvaro [Bautista, ndr] non ha fatto un giro competitivo e io gli sono passato avanti giusto in tempo”.

La conferma di Marquez: "In questo circuito la scia è molto importante"

Ai piedi del podio resta dunque Marc Marquez; il padrone di casa che dovrà vedersela ancora con le Ducati. Il campione del mondo in carica - una volta in mezzo al traffico - ha cercato di sfruttare la situazione, senza riuscire a tenere il passo di Dovizioso: “In questo circuito la scia fa tanto, anche in MotoGP. Specialmente se prendi la scia di una Ducati, anche perché loro nel rettilineo vanno più forte di tutti. Ho provato a trovare la strategia migliore, peccato che ho sbagliato io alla staccata della curva 12. Avevo Vinales all’esterno che un po’ mi ha distratto e non sono stato preciso in quel punto: sono andato lungo e ho perso l’ultima chance. Ho fatto comunque un bel giro e il passo gara sembra buono, proprio come le Ducati. Come sempre successo in queste ultime sfide. Loro sono molto forti, ma questo è uno stimolo: vuol dire che per la prossima stagione dobbiamo lavorare molto di più”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport