MotoGP, GP Austin 2019 tra due insidie: Marquez e l'asfalto

MotoGp

Antonio Boselli

I numeri (stratosferici) di Marquez e i dubbi (tanti) sulle condizioni dell'asfalto: tra i principali temi del terzo GP della stagione in programma ad Austin ci sono senz'altro questi. Oggi le prime risposte nelle prove libere

GP AUSTIN: VINCE RINS, 2° ROSSI

VIDEO. LA CADUTA DI MARQUEZ

CLASSIFICA - CALENDARIO

I numeri dicono che ad Austin non c'è storia, l'accoppiata pole-vittoria è affare esclusivo di Marc Marquez. Ma sono proprio i numeri a dire che non si può vincere sempre. Certo l'impresa per chi insegue sembra molto difficile, Austin è una pista lunga e tecnicamente complicata dove conta avere una moto completa; la Yamaha soffre le ripartenze, la Ducati le curve che tendono a chiudere, mentre la Honda sembra la più equilibrata grazie anche alla guida efficacissima di Marquez, ormai texano d'adozione.

Sarà un'incognita anche l'asfalto che, come nella passata stagione, è stato grattato per smussare le irregolarità. Da questo punto di vista nessuno sa come si comporteranno moto e gomme, ma anche in questo caso saranno i migliori a fare la differenza, da vedere se tra questi sarà sempre il solito Marquez a fare, in tutti i sensi, i suoi numeri pazzeschi.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche