Mugello story: da ‘Mig’ a Fenati, che vittorie Sky VR46

Moto GP

Mario Lorenzo Passiatore

Abbiamo riavvolto il nastro dei ricordi, rivivendo da vicino le emozioni più belle di Sky VR46 sul circuito del Mugello. Due vittorie storiche, quella di Andrea Migno nel 2017 e di Romano Fenati nel 2014, la prima del Team al GP d’Italia

Sky VR46, livrea tricolore al GP d'Italia

Calore e colore, Sky VR46 e la kermesse del Mugello

Era il 4 giugno 2017, le lacrime di gioia di Andrea Migno restano un lucido ricordo nella storia del Mugello. Durante il giro d’onore, piangeva e urlava sotto il casco come un bambino, intento a godersi il tripudio del pubblico italiano, fino ai piedi del podio. Attimi lunghi una vita, vissuti intensamente come il finale di un film, ancora incredulo per aver centrato la prima vittoria in carriera, per giunta al GP d’Italia. L’emozione scandita momento dopo momento: a seguire l’abbraccio con Vale prima, con tutto lo Sky Racing Team VR46 poi. “E’ stata la gioia più bella della mia vita” dirà Mig, commosso e spaesato, dopo aver tolto il casco. E’ la trama al contrario di una gara che lo vedeva lontano anni luce dal gruppo di testa. Migno partiva dalla dodicesima casella, ma nel warm up della mattina aveva ripreso coraggio e vigore. Rimonta e bagarre fino all’ultimo giro, quando si è messo davanti a tutti. E’ uscito dall’ultima curva con Fabio Di Giannantonio incollato negli scarichi, chiudendo ogni spiraglio prima di tagliare il traguardo. Il Team festeggiava per l’occasione il 60esimo GP e, contestualmente, il compleanno di Pablo Nieto. Festa totale, che Migno dedicò a Marco Simoncelli e Nicky Hayden, scomparsi prematuramente nel 2011 e nel 2017.

Cronologicamente, la prima vittoria del Team al Mugello risale al 1 giugno 2014. E’ l’anno d’esordio per Sky VR46 nella “entry class”. La firma è di Romano (di nome) marchigiano di fatto: è il Fenati show che travolge emotivamente anche Valentino Rossi, alla fine della gara gli riserverà un inchino speciale. Fenati, quasi imbarazzato, ha risposto al gesto di Vale a microfoni accesi: “Sono io che devo inginocchiarmi davanti a lui”. Una vittoria conquistata al fotofinish per soli dieci millesimi. E’ uscito fortissimo dall’ultimo curva, riuscendo a spuntarla su Isaac Vinales e Alex Rins. Un anno dopo, su quel podio ci tornò di nuovo ma sul terzo gradino, festeggiando ancora una volta con il pubblico italiano. “Al Mugello è sempre bello”, dirà a caldo dopo la gara. Vecchie emozioni che restano nel cuore dei protagonisti, nella memoria e nei ricordi dello Sky Racing Team VR46.

I più letti