Lorenzo salterà la gara di MotoGP di Assen per l'incidente: news su infortunio

MotoGp

Aggiornamenti da parte del Team Manager Honda su Lorenzo, a terra nelle prime libere di Assen: "Dovrà portare un busto per 3-4 settimane, quindi non ci sarà per due gp. Potrebbe rientrare il 4 agosto a Brno". Bradl suo sostituto? "Forse in Germania il prossimo weekend, di sicuro non qui in Olanda"

La gara di MotoGP domenica alle 14 in diretta su Sky Sport MotoGP e Sky Sport Uno

GP OLANDA, IL RACCONTO DELLE QUALIFICHE

HONDA UNITA INTORNO A LORENZO

LORENZO CADE: FRATTURA SESTA VERTEBRA DORSALE

LIBERE 3: ROSSI PENALIZZATO, ECCO PERCHE'

GUIDA TV - LA CLASSIFICA - IL CALENDARIO

Il Team Manager Honda Alberto Puig fa il punto sui tempi di recupero previsti per Jorge Lorenzo, caduto nelle prime libere del GP d'Olanda procurandosi la frattura della sesta vertebra dorsale. Sicura l'assenza dello spagnolo ad Assen e al Sachsenring: "I medici ci hanno spiegato che la parte coinvolta nell'incidente è abbastanza protetta e che fortunatamente Jorge non ha subito lesioni a livello neurologico. Dovrà portare un busto per circa 3-4 settimane, significa che prima della pausa non potrà correre. Speriamo possa rientrare nel GP in programma in Repubblica Ceca il 4 agosto. La nostra mentalità non cambia: continueremo a supportarlo al meglio per permettergli di abituarsi alla Honda". C'è il dubbio che vi siano altre due microfratture: alla settima e all'ottava vertebra, atteso l'esito degli esami  più approfonditi che il pilota spagnolo svolgerà a Barcellona nei prossimi giorni. Questo weekend non verrà sostituito dal collaudatore Bradl: "I tempi sono troppo stretti per Assen. Valuteremo se portarlo al posto di Jorge in Germania. Abbiamo tempo per pensarci", spiega Puig.

Marquez: "Honda difficile da guidare, ma vincente"

"Mi dispiace molto per la sua caduta. Questa moto non è facile da guidare, non va da sola, si è visto in questi anni. Può andare molto forte, ma prima bisogna riuscire a capirla molto bene. Quanto sia complessa lo dimostrano le mie cadute dell'anno scorso e il fatto che Lorenzo in queste gare sia già caduto tante volte quante complessivamente nella scorsa stagione in Ducati", ammette Marquez. In ogni caso, la situazione non è poi così male: "Stiamo lavorando per rendere la moto più stabile, ma allo stesso tempo se per il momento vinciamo significa che il problema che ha non è poi molto grande".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche