Valentino Rossi torna in prima fila a Silvestone in MotoGP: "Voglio almeno il podio"

MotoGp

A quattro mesi di distanza dall'ultima volta, il pilota numero 46 è riuscito a prendersi il secondo posto in griglia: "Sono contento, la qualifica ormai è decisiva". E su Marquez dice: "Lui è uno stratega, non lascia nulla al caso. Anche restando fino a stasera in pista non avrei preso la sua scia..."

IL SORPASSO CON CUI RINS HA BEFFATO MARQUEZ

INCIDENTE DOVIZIOSO-QUARTARARO: FOTO E VIDEO

TUTTI I RISULTATI - CLASSIFICA - CALENDARIO

La sua Yamaha è tornata a essere competitiva in pista e Valentino Rossi ha risposto presente in qualifica a Silverstone. Dopo le difficoltà delle ultime gare, in Gran Bretagna il pilota numero 46 ha confermato le buone sensazioni del venerdì, giocato d’astuzia durante tutto il Q2 e trovato lo spiraglio giusto nel finale dopo la bandiera a scacchi per prendersi la seconda casella in griglia, alle spalle del solito Marc Marquez. "Sono molto contento per questo 2° posto, la qualifica ormai è diventata fondamentale per la gara. Sono felice perché tutti hanno aspettato prima di attaccare, ma io ho deciso di fare l'ultimo giro da solo, è andata bene e sono soddisfatto. Ho un buon passo, la moto va bene e vediamo di essere pronti per la gara". Queste le sue parole al termine di una qualifica chiusa finalmente con il sorriso: per Rossi è la 147^ prima fila in carriera in top-class, la seconda in questa stagione dopo quella di Austin dello scorso aprile – anche in quel caso partì dal 2° posto e chiuse la gara alle spalle di Rins. Le sue ultime cinque prime file sono state tutte dei secondi posti: Brno, Buriram e Sepang nel 2018; Austin e Silverstone 2019. In Gran Bretagna è la terza volta negli ultimi quattro anni che Rossi parte secondo in griglia, con l’unica eccezione della passata stagione in cui aveva chiuso 12° dopo le qualifiche.

Marquez e non solo, Rossi: "Tanti avversari, Marc resta avanti a tutti"

Ripreso fiato dopo il giro lanciato alla guida della sua Yamaha, impossibile non accennare al testa a testa in prima fila tra lui e Marc Marquez: “Mi sembra che lui sia quello che va più forte anche qui, lo metto uno scalino sopra tutti. Dietro ci sono 5-6 piloti che lottano per il podio, bisogna essere tra quelli. Vinales, Quartararo, Dovizioso, Crutchlow: ci sono un bel po’ di avversari con cui doversela vedere”. E poi sul fatto che Marquez ha sfruttato in parte la sua scia: “È molto strategico, non lascia niente al caso. Va subito più forte degli altri e può fare queste strategie. Entra, fa subito il tempo che gli dà la prima fila e poi sta dietro e aspetta le mosse degli altri. Non ti tirerà mai morto, anche se fossimo rimasti fino a stasera in pista”.

Rossi, una lunga attesa prima dell'ultimo giro lanciato

A livello di strategia però anche Valentino ha dimostrato di saperci fare. Una lunga attesa durante il Q2, per poi lanciarsi a pochi secondi dalla bandiera a scacchi. "È stata una qualifica molto importante. Non abbiamo fatto la pole, ma partire dalla prima fila sarà cruciale, è tutto più facile così. È stato bello, anche se c'è stata molta strategia, molto traffico. A un certo punto mi sono detto: 'Basta, vado e mi gioco tutto adesso'. L’unico tentativo è andato bene”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.